Bragi-Dash

Tre auricolari wireless del CES che vorremmo decisamente provare

Lorenzo Fantoni

Al CES 2015 sono finalmente comparsi i primi auricolari veramente wireless. Non delle cuffie con un filo che passa tra i due auricolari, ma device finalmente liberi da ogni cavo che permetteranno di ascoltare musica in totale libertà, sempre che siate disposti a pagarne il prezzo.

LEGGI ANCHE: Presentato al CES 2015 il primo cavo USB reversibile (video)

Ecco tre interessanti modelli visti da The Verge, anche se ovviamente questo è solo l’inizio. Siamo sicuri che in futuro parleremo ancora molto di questa categoria di gadget.

Bragi Dash

Piccoli, confortevoli, dotati di controlli touch e ottimo isolamento audio, i Bragi Dash sembrano proprio essere le cuffie wireless perfette per chiunque ne voglia un paio. D’altronde sono il frutto di un know how di primo livello, la compagnia che le produce è gestita dall’ex capo del design di Harman Kardon e il suo COO era il vicepresidente senior di Jabra. Per raggiungere il massimo confort, i designer hanno usato gli stessi stampi delle aziende che si occupano degli apparecchi acustici, stampando i prototipi in 3D. Per caricarli c’è un’apposita custodia che può farlo cinque volte di seguito.

Come se non bastasse, i Dash sono dotati anche di cinque sensori fitness e un accelerometro che non solo registrano i movimenti della testa, ma vi permettono di usarli per impartire semplici comandi. Ad esempio, alzando la testa potreste sentire una voce che vi legge le previsioni del tempo. In caso di chiamata, potete fare di sì con la testa per riceverla. L’idea è quella di rendere Dash non solo delle cuffie, ma un vero e proprio assistente personale.

Bragi vorrebbe farli uscire entro aprile, al prezzo di 299 dollari.

FreeWavz

freewavz-green-1200x800

I Freewavz ricordano come design i classici auricolari sportivi, con un design che avvolge l’orecchio, così da mantenerli stabili durante la corsa o gli allenamenti. Proprio come i Dash sono dotati di sensori in grado di analizzare le vostre attività, analizzando il battito cardiaco 500 volte al secondo. Non mancano la cancellazione del rumore, la possibilità di modificare la frequenza e il text-to-speech.

Per il momento esiste solo un prototipo stampato in 3D dei FreeWavz, ma secondo il CEO dell’azienda, Mike Khan, la versione finale sarà comunque molto leggera. Il prezzo previsto è di 249.99 dollari, ma sono disponibili con uno sconto di 30 dollari in caso di preorder.

HearNotes

HeadNotes

Per adesso questi sono soltanto un’idea, visto che non esiste un prototipo da provare, ma potrebbero comunque essere un prodotto molto interessante. HearNotes dovrebbero affidarsi alla tecnologia wireless Kleer per una qualità audio cristallina, e sarebbero ricaricabili a distanza, senza doverli fisicamente collegare a una fonte di alimentazione. Non sono previsti sensori per il fitness. Il prezzo dovrebbe essere di 349 dollari.