Uber-iPhone-Macchina

Uber nell’Ordine del Giorno del Governo: cambierà la situazione in Italia?

Leonardo Banchi

L’arrivo di Uber, il servizio che permette di noleggiare un’auto con conducente attraverso una semplice app, ha suscitato fin da subito discussioni e polemiche, soprattutto da parte delle associazioni di tassisti: purtroppo, l’assenza di una legislazione precisa in materia ha poi contribuito a provocare caos ed incertezza, sfociate poi in sentenze che hanno alimentato ulteriormente i dissensi.

Fortunatamente, la situazione sembra adesso essere destinata a chiarirsi grazie a due parlamentari del PD, Sergio Boccadutri ed Ernesto Carbone, che hanno presentato un ordine del giorno  nel quale il governo viene invitato a definire precise normative per l’autoservizio pubblico non di linea, così da “superare eventuali criticità e adeguare le normative all’innovazione tecnologica”.

LEGGI ANCHE: Uber contro taxi: la sfida è accesa in vista del Giubileo

Nonostante Uber non venga esplicitamente citato nell’interrogazione, il riferimento all’app che ha scatenato così tante polemiche è più che evidente, e l’effetto che una sua attuazione potrebbe portare appare tutt’altro che destinato a placare le discussioni: l’obiettivo dell’ordine del giorno, infatti, è quello di semplificare il lavoro degli autisti della società californiana, garantendo loro una maggiore libertà di operato attraverso vari accorgimenti.

I servizi di noleggio con conducente (la denominazione sotto la quale ricade Uber) potranno infatti lavorare anche al di fuori del comune che ha rilasciato l’autorizzazione, e liberarsi della necessità di appoggiarsi, per raccogliere le prenotazioni nonché come base per i propri viaggi, ad un’autorimessa presente nel proprio comune.

Non rimane quindi che attendere che il Governo si pronunci in maniera definitiva in materia, ma siamo pronti a scommettere che neanche questo capitolo potrà esimersi dal suscitare nuove polemiche. E voi, come la pensate sull’argomento?

Via: Autoblog
  • Christian Carle

    che è ora di liberalizzare tutte le licenze, almeno la finiranno di essere gli unici a sguazzare in guadagni garantiti…..