luce onda particella

Un chip che porta la luce a velocità “infinite”

Cosimo Alfredo Pina -

Prima che la fotonica, ovvero il trasporto di informazioni tramite luce, rimpiazzi totalmente l’elettronica convenzionale,  si dovranno sviluppare sistemi capaci di manipolare e gestire i fasci di onde elettromagnetiche al pari dei flussi di corrente, utilizzati nei dispositivi di tutti i giorni.

Una nuova ricerca portata avanti dagli studiosi della Harvard University potrebbe aver reso il tutto più fattibile, grazie ad un chip che si comporta come un metamateriale con indice di rifrazione zero.

Proprio questa proprietà permette di accelerare la luce a velocità di fase infinite. Questo non significa che la luce va più veloce della luce stessa, ma piuttosto che le onde a questa associata sono “schiacciate” infinitamente fino a diventare delle linee rette.

LEGGI ANCHE: Il primo laser bianco potrebbe rivoluzionare display e connettività

Grazie a questa trasformazione la luce può essere facilmente manipolata, ad esempio spostandola da un chip all’altro o riducendone il diametro del fascio fino alla nanoscala, senza perdite di energia.

Il tutto è ancora in fase di sperimentazione base e ci vorrà ancora diversi anni prima di poter vedere dispositivi fotonici pronti all’uso quotidiano; tuttavia ricerche come queste gettano le basi per il futuro dei processori e delle telecomunicazioni.

Via: Engadget