display olografico

Un display olografico basato sul grafene

Cosimo Alfredo Pina

Il grafene viene spesso menzionato come il materiale del futuro, in grado di fornire batterie più performanti, computer più veloci o anche metodi di diagnosi per alcuni tipi di malattia. Una nuova applicazione di questo materiale arriva da un recente studio pubblicato su Nature, che dimostrerebbe come il grafene possa essere utilizzato per creare schermi olografici.

Utilizzando il principio base dell’olografia sviluppato negli anni ’40 da Dennis Gabor, gli studiosi hanno creato un display olografico 3D ad alta risoluzione, con angoli di visione fino a 52°. Per realizzare questa tecnologia piccole porzioni di ossido di grafene sono state trattate con un laser (fotoriduzione), creando così una griglia di “pixel” in grado di interagire con luce.

ologramma grafene

Il display ottenuto è un quadrato di un centimetro di lato, ma i ricercatori garantiscono che grazie alle proprietà meccaniche del grafene, il sistema sarebbe facilmente scalabile a dimensioni maggiori.

Mentre il dettagliato studio rimane ancora non applicabile alla produzione, in futuro sistemi come questi potrebbero aiutare a creare, senza l’impiego di materiali rari, display 3D funzionanti senza occhiali, oltre che sistemi di sicurezza efficienti contro contraffazione e falsificazione.

Via: CNET