wormhole

Un wormhole al centro della Via Lattea

Cosimo Alfredo Pina -

I ricercatori Zilong Li e Cosimo Bambi presso la Fudan University di Shanghai hanno presentato un studio molto particolare in cui dimostrerebbero che al centro della nostra galassia non si trovi un “semplice” buco nero, ma un wormhole ovvero un punto ipotetico in cui viaggiando a velocità superiori alla luce si può passare da un universo all’altro.

LEGGI ANCHE: Sulla Stazione Spaziale Internazionale i robot riparano i robot

Per quanto bizzarra possa sembrare, questa teoria rientra sotto la consolidata Relatività Generale. I primi a ipotizzare questi fenomeni furono Albert Einstein e Nathan Rosen (da qui il nome più corretto “Ponte di Einstein-Rosen”), ma allo stato attuale non sono mai stati osservati e quindi rimangono ancora soltanto oggetti matematici.

Secondo Li e Bambi quando, nel giro di pochi anni, lo strumento “Gravity” sarà attivato all’Osservatorio Europeo Australe saremo in grado di osservare e misurare queste entità per ora astratte.

Per il momento i ricercatori hanno fatto un ottimo lavoro dimostrando la possibile esistenza dei wormhole, ma, finché non avremo dati ricavati da misure strumentali, gli unici viaggi tra universi che potremo fare sono solo quelli con la fantasia.

 

Via