grabit mano robotica

Una geniale mano robotica che sfrutta la forza elettrostatica

Cosimo Alfredo Pina

Gli apparati robotici che dovrebbero mimare la funzione prensile della mano umana si appoggiano comunemente alla forza meccanica, tramite leve e pistoni, o quella pneumatica, sfruttando ventose e sistemi ad aria compressa. L’alternativa proposta da Grabit cambia approccio, sfruttando la forza elettrostatica per fornire una mano robotica prensile ed economica.

Ogni oggetto porta sulla sua superficie una carica elettrostatica residua, più o meno accentuata. La mano di Grabit sfrutta questa ben nota caratteristica, generando un campo elettrostatico opposto, sulle “dita” flessibili di un braccio meccanico, per agguantare efficacemente ogni tipo di materiale, anche quelli più delicati.

LEGGI ANCHE: I robot aiuteranno gli scienziati a combattere l’Ebola

Il progetto, presentato la scorsa settimana al RoboBusiness di Boston, è indirizzato all’ambito industriale ed è in grado di fornire un nuovo utile e più economico mezzo alle catene di produzione. Se volete visionare il funzionamento di questa geniale trovata, vi lasciamo con due video in cui le mani di Grabit dimostrano le loro capacità su oggetti di vario tipo.

Via