kaist_1

Vi piacerebbe ricaricare lo smartphone col vostro calore corporeo?

Lorenzo Fantoni

Vi piacerebbe non dovervi più dannare con la batteria dei vostri dispositivi mobili e ricaricarli solo col calore corporeo? Presto, grazie ai ricercatori dell’Università coreana KAIST, potrebbe essere possibile.

LEGGI ANCHE: Land Rover studia l’auto a realtà aumentata

Il team di ricerca ha sviluppato un generatore termoelettrico inserito in un tessuto vetroso, che risolve i problemi di rigidità e autonomia dei precedenti modelli, e ne permette l’inserimento in un normale braccialetto.

Il generatore è costituito da una fibra vetrosa altamente flessibile su cui viene applicata una sorta di parta termoelettrica. Questa tecnica evita di dover utilizzare materiali meno flessibili come ceramica e alluminio, mantenendo comunque un buon coefficiente di generazione dell’energia.

Parlando di potenza, un generatore di  10 x 10 cm può produrre circa 40 milliwatts di potenza con una temperatura di 31° Celsius.

L’aspetto più interessante è che questo tipo di generatori potrebbero tornare utili non solo per usare il calore corporeo, ma anche in tutti quegli ambiti in cui c’è una grossa dispersione di calore inutilizzata, generando ulteriore energia pulita. Ad esempio, in un automobile si potrebbe ricaricare la batteria utilizzando questo sistema, per non parlare di fabbriche in cui il calore è un elemento del processo di lavorazione.

Per saperne di più ecco la pubblicazione del progetto, che sarà gratuita fino al 15 maggio.