satellite

Questi satelliti da 1 Terabit al secondo vogliono portare la banda larga ovunque

Cosimo Alfredo Pina -

ViaSat è una realtà statunitense specializzata in telecomunicazioni satellitari. Il nuovo nuovo progetto dell’azienda sono i tre satelliti ViaSat-3, un gruppo di sistemi orbitanti capaci di offrire una larghezza di banda da 1 Terabit al secondo (1.000 Gbps).

Nati dalla collaborazione con Boeing, che si occuperà di portarli in orbita, due di questi satelliti copriranno l’area EMEA (Europe, Middle East, and Africa) ed America, mentre il terzo offrirà copertura all’Asia.

Il Tb di banda portato da ciascuno dei satelliti sarà ripartito su varie utenze con connessioni da 100 Mbps per l’ambito domestico fino al Gbps su quella commerciale ed industriale.

LEGGI ANCHE: La fibra da (quasi) 1 Gbps presto realtà grazie ad un progetto italiano

I satelliti ViaSat, quelli di prima generazione, portano la connessione a quasi 690.000 americani; nei prossimi mesi saranno lanciati i ViaSat-2, con una missione SpaceX, e adesso l’azienda punta al 2019 con la terza generazione.


Abbiamo tutte le tecnologie chiave dietro ViaSat-3 […] che ci permetteranno di andare avanti nella costruzione della prima piattaforma a banda larga capace di portare l’esperienza internet ad alta velocità, incluso lo streaming video, a tutti.

Mark Dankberg, CEO ViaSat

In effetti il 2019 non è così lontano e se ViaSat riuscirà a garantire un servizio stabile a prezzi ragionevoli, darà certamente del filo da torcere alle aziende che ancora faticano a portare la fibra (e ancora troppo spesso l’ADSL) al di fuori dei principali centri abitati.