auto che si parcheggia da sola volkswagen

Volkswagen vuole che le auto trovino parcheggio da sole (video)

Leonardo Banchi -

Abbiamo più volte sentito parlare sistemi che consentono alle automobili di parcheggiarsi da sole: grazie a sensori e videocamere, infatti, parte di questa procedura può oggi essere delegata al computer integrato in questi veicoli “smart”.

Ciò che fino ad adesso è rimasta prerogativa dei guidatori, però, è purtroppo proprio la parte più noiosa del processo: girare fra le corsie dei parcheggi per trovare un posto libero. Grazie a uno studio di Volkswagen, però, presto potrebbe non essere più così.

LEGGI ANCHE: Le foto che vi portano dentro le auto a guida autonoma di Google

Assieme a Bosch e ad un gruppo di università internazionali, infatti, il produttore tedesco ha messo a punto V-Charge, un progetto che permetterà alle auto di trovare un posto libero e parcheggiarvisi in modo completamente autonomo.

Il funzionamento è molto semplice: all’ingresso, ad esempio, di un centro commerciale, il guidatore potrà abbandonare il veicolo, che grazie al computer di bordo e a delle speciali antenne riceverà una mappa 3D del parcheggio. Questo, assieme all’utilizzo di sensori e videocamere integrate nella scocca, gli permetterà di girare autonomamente fra le corsie, fino a quando non troverà un posto disponibile per la sua sosta.

In aggiunta, V-Charge prevede un sistema di ricarica wireless per i veicoli elettrici: le auto dotate di questo tipo di alimentazione potranno infatti prediligere le piazzole dotate di una postazione di ricarica, sfruttando così la loro sosta per “riempire i serbatoi” anche senza che il proprietario connetta l’apposito cavo.

V-Charge appare come un sistema uscito da un film di fantascienza, e in effetti potrebbero passare vari anni prima di vederlo effettivamente in funzione, ma gli ingegneri di Volkswagen hanno voluto specificare un particolare: il progetto è basato interamente su tecnologie già esistenti al giorno d’oggi, per cui almeno a livello pratico (senza quindi contare i tempi di adattamento dei luoghi e della legislazione), esso potrebbe essere implementato nei veicoli fin da subito.

Via: CarAdvice