sussman_welwitchia_pianta antica

Welwitschia mirabilis: una delle piante più longeve del pianeta (foto)

Cosimo Alfredo Pina

Non aspettatevi maestose sequoie o giganteschi baobab: la Welwitschia mirabilis, una delle specie vegetali che vivono più a lungo, è una pianta molto particolare che ha il suo habitat naturale nello spoglio ma suggestivo deserto del parco nazionale di Namib-Naukluft (Namibia).

LEGGI ANCHE: Alcuni semi di ciliegio crescono più in fretta dopo esser stati nello spazio

Questa pianta, appartenente alla famiglia di pini e abeti, è letteralmente l’unica nel suo genere (biologico) e il suo aspetto da pianta secca, potrebbe trarre in inganno i meno esperti riguardo alla sue capacità di sopravvivenza.

La longevità di questa specie, che può raggiungere i 2000 anni d’età, è probabilmente dovuta proprio alla sua semplice struttura: una radice a fittone molto lunga che scava in profondità in cerca di acqua e due foglie che crescono a livello del suolo fino a raggiungere i 5 metri di lunghezza.

Già presente ai tempi dei dinosauri, la Welwitschia mirabilis è sopravvissuta ai vari cataclismi fino ad essere scoperta dal botanico austriaco Friedrich Martin Josef Welwitsch, nel 1859.

Rachel Sussman è la fotografa appassionata di piante antiche che ha realizzato il libro “The Oldest Living Things in the World” e di cui riportiamo, nella galleria a seguire, alcuni scatti relativi a questa affascinante specie che ci dà un’ulteriore dimostrazione di come la funzionalità non vada necessariamente di pari passo con l’estetica.

 

Via