widerun (1)

Widerun, la bici che vi permette di pedalare in realtà virtuale (foto)

Leonardo Banchi -

 

Per arrivare preparati all’estate e alla bella stagione, il periodo migliore per allenarsi è l’inverno. Questo, però, comporta una serie di problemi e difficoltà, derivanti soprattutto dal maltempo, che scoraggiano molte persone dall’impegno sportivo. Se fate parte della lista di coloro che non vorrebbero arrendersi, ma sentono la propria tenacia fiaccata dall’essere costretti a pedalare al chiuso di una palestra, Widerun è ciò che fa per voi: questa speciale cyclette, infatti, vi permetterà di entrare in una realtà virtuale, e pedalare fra boschi, panorami fantastici e città del mondo senza spostarvi dal salotto di casa.

LEGGI ANCHE: ShotTracker, il weareable dedicato al basket

Gli sviluppatori di Widerun hanno infatti sfruttato tutte le potenzialità offerte da Oculus Rift, il famoso dispositivo per la realtà virtuale, per creare un ambiente nel quale immergere il ciclista. Attraverso il suo utilizzo, e tramite delle applicazioni appositamente create, l’elegante cyclette permetterà infatti di muoversi in un’ampia scelta di luoghi, esplorando antiche rovine, metropoli che si trovano dall’altra parte del mondo, scenari di videogiochi o affascinanti paesaggi del nostro pianeta.

La società produttrice ha deciso inoltre di rendere facilmente espandibili le possibilità del proprio prodotto, lasciando a sviluppatori esterni la possibilità di creare nuovi scenari, sfide e difficoltà da affrontare, ma purtroppo si sa ancora poco di come sarà Widerun alla fine. Essi promettono tuttavia un design elegante e la presenza di molte funzioni, che ne faranno un prodotto stimolante per gli allenamenti quotidiani.

Widerun verrà presentato, speriamo a breve, in una campagna su Kickstarter, necessaria a raccogliere i fondi per iniziarne la produzione e la vendita. Nel frattempo, se volete conoscere qualche particolare di ciò che sarà questa cyclette smart, guardate la galleria a seguire o visitate il sito ufficiale del prodotto.

Fonte: Widerun