Pokken Tournament

4 motivi per cui Pokkén Tournament vale l’acquisto di Wii U

Giorgio Palmieri - Pokkén Tournament è il nuovo titolo per Wii U realizzato da Bandai Namco che porta le lotte tra i Pokémon ad un nuovo livello.

Vent’anni. Sono passati vent’anni da quando i giocatori, per la prima volta, scelsero tra Bulbasaur, Squirtle e Charmander. Una decisione ardua che all’epoca costituiva quasi uno status symbol tra i giovani allenatori possessori di Game Boy.

Il 27 febbraio 1996, infatti, furono pubblicati in Giappone Pokémon Versione Rossa e Pokémon Versione Verde. Da lì in poi, il brand dei mostriciattoli di Satoshi Tajiri avrebbe catalizzato su di sé l’attenzione a livello mondiale. Tuttavia, ciò che i fan chiedono da tempo è un videogioco realizzato appositamente per console casalinga che sappia rendere al meglio le lotte tra i Pokémon. Quel giorno, signore e signori, è praticamente arrivato.

Il 18 marzo verrà pubblicato in esclusiva per Wii U Pokkén Tournament, titolo precedentemente rilasciato su cabinati arcade solo sul suolo nipponico. Ecco quattro motivi per tenere seriamente in considerazione l’acquisto di questo nuovissimo videogioco (e non solo!).

Un sogno che diventa realtà

A Game Freak, gli ideatori dei titoli di Pokémon per Nintendo 3DS, va il merito di aver realizzato una formula vincente e articolata, adatta tanto ai bambini quanto ai più esigenti, frutto di un lavoro di game design che fa letteralmente impallidire molti prodotti visivamente più maturi sulla piazza, almeno parlando di profondità delle meccaniche di gioco.

Pokken Tournament (2)

I combattimenti a turni proposti in questi titoli non rendono però giustizia alla fantasia dei fan, nella quale vengono rappresentati in una veste spettacolare simile a quanto visto nel cartone animato. Pokkén Tournament arriva in loro soccorso proprio perché è un picchiaduro in tre dimensioni in cui i giocatori impersonano e controllano in tempo reale la propria creatura preferita. Pestare (il povero) Pikachu, da ora in poi, sarà ancora più coinvolgente!

Combattimenti stratificati

Pokkén Tournament è stato sviluppato da Bandai Namco, veterani del genere picchiaduro. Questo significa che il gameplay è stato plasmato da mani sapienti, da gente che vanta anni di esperienza con la già citata tipologia di gioco (Tekken e Soul Calibur dovrebbero dirvi qualcosa a riguardo).

Pertanto, questa nuova avventura dei Pokémon può contare su un solido sistema di combattimento, che spezza l’azione in momenti in cui potrete vagare liberamente all’interno delle arene e altri dove il duello si sposterà su un piano bidimensionale, per offrire appunto un’esperienza di lotta originale nel suo ambito, e molto vicina allo spirito della serie. Non aspettatevi dunque delle battaglie banali e dall’interattività ridotta all’osso, ma un gioco la cui profondità si adatta al tipo di utente che lo approccia: infatti, Pokémon Tournament sposa la stessa, identica linea dei titoli per Nintendo 3DS, pur essendo di genere totalmente diverso.

Da soli e in compagnia

L’offerta contenutistica presenta purtroppo solo sedici Pokémon, ognuno dei quali, però, è riprodotto in maniera a dir poco eccellente. Vedere sullo schermo della propria televisione Charizard muoversi con eleganza è uno spettacolo per gli occhi: aeroassalto, lanciafiamme, ira di drago, tutte le varie abilità iconiche del personaggio sono state incastonate in maniera sorprendentemente naturale nel nuovo sistema di combattimento, il quale può essere assaporato sia in singolo giocatore nella modalità Lega, che in multiplayer locale e online. Nella prima, i giocatori potranno potenziare il proprio Pokémon vincendo i vari incontri proprio come i videogiochi originali, farciti con scene d’intermezzo che raccontano la storia. Nell’online, invece, le statistiche dei mostriciattoli saranno bilanciate, in maniera tale da non favorire numericamente nessun giocatore.

Due piccioni con una fava

Mettiamola così: non avete mai preso in considerazione l’acquisto di Wii U sino all’annuncio di Pokkén Tournament. Ora lo volete, ma comprare una nuova console per un solo gioco potrebbe non valerne la pena. Tuttavia, il suo catalogo di esclusive può benissimo reggere il confronto con la concorrenza: Super Mario 3D World, Splatoon, Xenoblade Chronicles X, Mario Kart 8, Super Smash Bros. sono solo alcuni dei motivi per avere sul mobile Wii U.

Prendere la console casalinga di Nintendo per il picchiaduro a tema Pokémon può quindi farvi accedere ad un mondo di titoli a cui non avete mai giocato, un universo di esperienze di gioco molto diverso rispetto a ciò che siamo abituati a vivere su PlayStation 4, Xbox One e PC.

Pokken Tournament è disponibile su Amazon in pre-ordine e l’uscita è prevista per il 18 marzo.

  • Matteo Bottin

    Hai dimenticato il titolo cardine per voler comprare una wii U: Super Smash Bros!!!! 😀 Alla versiono per Wii ho giocato TANTISSIMO!!!

    • E pensare che ci ho passato più di 100 ore solo sulla versione Wii U. Aggiunto!

      • Matteo Bottin

        TVTB

    • Leo

      Ci stiamo dimenticando di Bayonetta, eh!
      Nintendo avrà anche toppato col WiiU, ma ci sono delle perle che DEVONO essere giocate.

      Ah, inutile dire che è dai tempi di Pokèmon Coliseum 64 che attendo di poter pestare Mewtwo. Ciao vita sociale.