6 giochi in arrivo su PlayStation VR ad aprile (video)

Giorgio Palmieri - Testa mia fatti capanna

Aprile è finalmente arrivato, insieme ad una bella infornata di nuovi titoli per PSVR, molti dei quali parecchio interessanti: usciranno tutti questo mese, anche perché una parte ha già delle date ufficiali di pubblicazione su cui contare, salvo intoppi dell’ultimo minuto. Senza perderci in ulteriori chiacchiere, vediamoli insieme.

LEGGI ANCHE: Recensione Unearthings Mars per PSVR

Mortal Blitz

È uno sparatutto sulla falsa riga di Time Crisis, realizzato da Skonec, una software house coreana, che assicura di aver svolto uno studio per ridurre al minimo il rischio chinetosi. L’ambientazione sembra accattivante, e mescola elementi fantascientifici con quelli tipicamente horror, almeno a detta degli sviluppatori. Il giorno di uscita per i territori statunitensi è il 4 aprile, il quale purtroppo non coincide con il rilascio europeo, che, comunque, non dovrebbe tardare troppo.

Starblood Arena

Lo StarBlood Network è una rete che trasmette in tutta la galassia. La sua peculiarità? Organizza regolarmente delle competizioni senza regole che offrono ai migliori piloti il miraggio della fama intergalattica. Chiaramente sarete tra i partecipanti, a partire dal 12 aprile, in questo sparatutto ad arena spaziale di Whitemoon Studios, realizzato in collaborazione con Sony stessa. Nove piloti, tante modalità sia cooperative che competitive, una campagna per il giocatore singolo e molto altro vi aspettano in uno dei titoli più attesi della stagione.

Symphony of the Machine

Vi piacciono le avventure piene zeppe di enigmi? Allora dovreste subito segnare sul calendario la data del 26 aprile, giorno in cui Symphony of the Machine farà il suo debutto ufficiale su PSVR e HTC Vive. Il gioco è stato ideato e creato dalla società australiana StirFire Studios, e vi cala nei panni di un misterioso personaggio che dovrà risolvere dei puzzle ambientali insieme all’aiuto di un robot.

Statik

In uscita il 24 aprile, questo bizzarro titolo, studiato su misura per la realtà virtuale, vi chiede di risolvere rompicapi all’interno di un luogo molto particolare. Ogni giorno vi sveglierete con un nuovo puzzle montato sulle mani e dovrete usare intelletto, vista e udito per svelare il mistero. La realtà virtuale dona una dimensione tutta sua all’esperienza, quindi risolvere gli enigmi non sarà affatto un compito semplice: ma, in fondo, che gusto c’è nella facilità?

Syndrome

Dopo un periodo di silenzio, riemerge dal sottosuolo Syndrome, titolo di Camel 101 annunciato nel 2015 per PS4, Xbox One e PC, per poi uscire solo per quest’ultima verso la fine del 2016. Abbiamo avuto la conferma che sta sbarcando anche su PS4, in un’edizione compatibile per PSVR, in arrivo il 28 aprile. In ogni caso Syndrome si presenta bene: il genere è quello horror fantascientifico, dove bisognerà fuggire da un’astronave abbandonata piena zeppa di persone mutate in mostri. Avremo un arsenale su cui contare, quindi non si tratta del classico fuggi dal mostro, bensì di un gioco d’azione che si ispira a quella grande avventura che fu Dead Space.

Polybius

Il 28 aprile metteremo le mani su una leggenda metropolitana che, però, è diventata realtà, anzi, viste le circostanze, realtà virtuale (ba dum tss). Stiamo parlando di Polybius, il videogioco arcade che ha fatto perdere l’uso della ragione a centinaia di persone, o almeno così vuole la leggenda. I motivi per i quali farebbe impazzire? Beh, sono tanti: i suoi colori, la sua velocità, il suo ritmo, insomma, è sufficiente guardare il trailer per farsi un’idea più chiara a riguardo. Non dite in giro che non vi avevamo avvisato.