gameroom head

Facebook lancia la sfida a Steam con la piattaforma per giochi Gameroom (foto)

Leonardo Banchi

Quando si parla di videogiochi in ambito PC, c’è un nome che non può fare a meno di saltar fuori: è quello di Steam, la piattaforma gestita da Valve attraverso la quale oltre 125 milioni di utenti acquistano e scaricano ogni tipo di gioco.

Facebook ha però deciso di sfidare questo predominio: come atteso ormai da diverso tempo, il social network ha infatti appena aperto agli sviluppatori Gameroom, una piattaforma per videogiochi disponibile per Windows 7 e superiori con la quale l’azienda in blu vuole consolidare il proprio marchio anche fra i videogiocatori, offrendo sia titoli web e mobile che giochi realizzati appositamente per essa.

LEGGI ANCHE: Aalla DBGA si impara a creare i videogiochi

Anche se la sfida sembra impossibile, Facebook ha dalla sua molte carte da giocare e altrettanti vantaggi da ottenere. Fra le armi in mano al social network, che fino a pochi anni fa dominava la scena del casual gaming, la più importante è sicuramente quella degli oltre 650 milioni di utenti che ogni mese utilizzano il social network per giocare: se anche una piccola percentuale di questi si sposterà sull’app per PC, è facile immaginare come questa potrà decollare piuttosto in fretta.

Più difficile sarà attirare l’interesse del pubblico dei “gamer”, estremamente legato a Steam, ma anche in questo senso l’ecosistema in mano a Facebook offre molti risvolti positivi: i giocatori infatti potranno utilizzare l’app sfruttando il loro account già esistente (al quale diverranno ancora più legati), pubblicità interne al social network potranno spingerli verso l’adozione di Gameroom e il provare nuovi giochi, e il servizio Facebook Live potrebbe permettere di condividere in streaming le proprie partite senza doversi affidare a servizi esterni come Twitch.

Gameroom, realizzato in collaborazione con Unity e lanciato oggi durante una la Unity’s game development platform conference, è già disponibile per il download e per gli sviluppatori che vorranno portare in essa i propri titoli.

Via: TechCrunchFonte: Facebook Gameroom