Super Mario World Flappy Bird

Flappy Bird in Super Mario World del 1990 su SNES? Una follia, ma qualcuno ovviamente ci è riuscito (video)

Lorenzo Delli

Giocare a Flappy Bird dentro Super Mario World su un Super NES senza alcun tipo di modifiche è possibile, ma è un’autentica follia. Più che follia potremmo definirlo come un vero e proprio esercizio di stile, ma procediamo per gradi.

Com’è possibile che un gioco del 2013 venga eseguito all’interno di un gioco del 1990 (in Europa arrivò nel ’92) su una console originale dell’epoca priva di modifiche di alcun tipo? È più facile a dirsi che a farsi: è lo youtuber SethBling a spiegarlo in un filmato. In pratica è possibile sfruttare dei glitch presenti in Super Mario World per caricare del codice aggiuntivo. Sì, avete capito bene: collezionando power-up quali i classici funghetti 1-Up e i fiori è possibile attivare delle funzionalità nascoste che permettono di caricare dati byte per byte.

LEGGI ANCHE: Soffiare nelle cartucce Nintendo per anni non è stata una buona idea

L’hacker p4plus2 ha aiutato lo youtuber scrivendo codice assembly, il più vicino al codice macchina vero e proprio, relativo appunto a Flappy Bird. Il codice è stato caricato all’interno di Super Mario World muovendosi in specifiche coordinate x della griglia di determinati livelli, sfruttando parte della memoria di sistema non utilizzata da Nintendo.

Tali movimenti sono stati ripetuti per tutti e 331 i byte di memoria occupati dal codice assembly di Flappy Bird. Sì, un’autentica follia. Il risultato? Super Mario che salta tra i tubi con le stesse semplici dinamiche di Flappy Bird. Se voleste provarci da soli (in tal caso vuol dire che avete troppo tempo libero) trovate a questo link una guida scritta proprio dallo youtuber, mentre a seguire potete ammirare un video riassunto (in inglese) di quanto abbiamo cercato di spiegarvi finora. Ah, può darsi che il nome SethBling non vi sia del tutto nuovo: vi ricordate del fan estremo di Minecraft che fa girare codice BASIC dentro al gioco? Era sempre lui.

Fonte: Engadget