Last Day of June è una nuova perla videoludica tutta italiana in arrivo su PS4 e PC (foto e video)

Lorenzo Delli -

505 Games, divisione editoriale del gruppo Digital Bros, e la software house indipendente tutta italiana Ovosonico, annunciano oggi Last Day of June, nuovo videogioco nato dalla loro partnership che mira a stuzzicare la sensibilità artistica del giocatore e ad innovare grazie ad uno stile narrativo tutto suo.

Allo sviluppo di The Last Day of June hanno collaborato diverse personalità di spicco, come il game director Massimo Guarini (Murasaki Baby, Shadow of the Damned, Naruto: Rise of a Ninja), il musicista e produttore Steven Wilson e la regista Jess Cope (che ha collaborato come animatrice a Frankenweenie di Tim Burton e come direttrice del video Here Comes Revenge dei Metallica), oltre ovviamente a tanti altri membri del team di Ovosonico.

LEGGI ANCHE: Virginia: quando la barriera tra film e videogiochi si infrange

The Last Day of June, a detta degli sviluppatori, sfrutterà l’interattività per catturare il giocatore e renderlo protagonista di una storia dolce e amara, che sarà “capace di toccare le corde più profonde dell’anima”. Il fatto è che non stentiamo a crederci, visto che già dal primo trailer rilasciato anche su YouTube si riesce a percepire una direzione artistica e una sensibilità uniche nel loro genere.

Gli sviluppatori si sono sforzati di stimolare il giocatore a livello sensoriale, realizzando una narrazione che veicola il giocatore senza l’utilizzo della parola (come abbiamo visto in passato con Virginia, sempre pubblicato da 505 Games). La trama celebre la bellezza della vita e dell’amore contrapponendole alla perdita e all’amarezza che ne comporta.

La nostra collaborazione con 505 Games è nata da una coincidenza di strategie e obiettivi e il percorso che ci ha portati all’annuncio di oggi ha rafforzato la nostra relazione con una delle eccellenze italiane nel mondo dei videogiochi, che ha mostrato la nostra stessa attenzione nei confronti dei giochi emozionali: Last Day of June vuole essere un’esperienza avvincente, capace di creare una connessione con l’essere umano, più che con il giocatore in quanto tale. 

Molte persone spesso dichiarano di non amare i videogiochi anche se non li hanno mai provati veramente, cosa che non accade mai però per i film, la musica o l’arte in generale –  dato che, in questi ambiti, c’è sempre qualcosa con cui possano identificarsi. Io credo che anche i videogiochi possano essere universali e capaci di creare connessioni tanto quanto le altre forme d’arte ed è questo che vorremmo dimostrare con il nostro progetto.

Massimo Guarini, fondatore e CEO di Ovosonico

Inizieremo da spettatori della gioiosa gita tra Carl e June, per poi diventare protagonisti diretti della storia. Dovremo cercare di trovare la corretta sequenza di eventi in grado di salvare la vita di June, risolvendo puzzle “emotivamente stimolanti” in grado di cambiare il corso degli eventi. Il giocatore dovrà quindi porsi domande quali “Cosa sarei disposto a fare per salvare la vita di chi amo?” vivendo direttamente su schermo le conseguenze delle scelte effettuate.

Last Day of June è ancora in via di sviluppo per PlayStation 4 e PC, e dovrebbe uscire entro la fine di questo 2017. Un progetto davvero interessante, che seguiremo con piacere nei prossimi mesi. Vi lasciamo anche con alcuni bellissimi screenshot.