Perché Microsoft sta creando Project Scorpio? E a chi è indirizzata?

Giorgio Palmieri Baby George approva

Sempre ai microfoni del portale di analisi videoludica Digital Foundry, gli unici ad aver visto in azione l’ambizioso Project Scorpio, il vice presidente corporativo di Xbox Mike Ybarra ha rivelato che uno dei tanti obiettivi di questa nuova console è quello di riconquistare la fiducia degli sviluppatori. Ecco le sue parole:

Con Xbox 360 possedevamo in assoluto la miglior piattaforma per gli sviluppatori, ma con Xbox One abbiamo in parte perso questa posizione nel giro di due anni, quindi ci siamo dovuti chiedere come convincerli a ritornare sui propri passi.

In effetti, durante la scorsa generazione, Xbox 360 era la console ideale per lo sviluppo di giochi multi-piattaforma, proprio per la sua semplicità di utilizzo, contrapposta alla complessità di PS3.

LEGGI ANCHE: Le ultime su Project Scorpio

Purtroppo i ruoli si sono invertiti in questi anni, dove le versioni Xbox One talvolta girano ad una risoluzione minore rispetto a quelle studiate per PS4, anche se le differenze sono spesso impercettibili, o comunque di poco conto. Ybarra ha poi aggiunto:

Dobbiamo conquistare i cuori e le menti degli sviluppatori. Dobbiamo dargli i giusti strumenti per consentirgli di portare i propri giochi su tutta la famiglia di prodotti, offrendogli la possibilità di creare in assoluto le migliori versioni dei giochi.

Chiaramente Project Scorpio non sarà uno strumento per accontentare le sole esigenze degli sviluppatori, ma anche e soprattutto quelle dei consumatori. A tal proposito, il vice presidente di Xbox ha citato il modello economico e di produzione degli smartphone, che vede nuovi dispositivi uscire annualmente, una dinamica che sta influenzando il tradizionale ciclo di vita delle console in modo sostanziale.

Guardando la situazione all’esterno, se si osservano i comportamenti dei consumatori, sono molto cambiati. Ci chiedono sempre più di frequente l’ultimo ritrovato tecnologico, l’ultima esperienza o la migliore esperienza, rispetto al nostro modello tradizionale di console, che non è in grado di allinearsi con queste esigenze, bisogna per forza fermarsi per assumersi dei rischi. È adottando questo modello economico che ci stiamo assumendo un rischio, dando ai consumatori quello che vogliono, cambiando le cose il prima possibile.

Insomma, Project Scorpio non ha ancora un nome ufficiale, ma le sue intenzioni sono abbastanza chiare: è un prodotto indirizzato ai giocatori che si aspettano il massimo. Di conseguenza, aspettiamoci un prezzo ben più alto di una comune console, che, tra l’altro, abbiamo già provato a supporre.

Fonte: Eurogamer