9.0

WipEout Omega Collection, velocità massima in 4K a 60 fps (recensione)

Lorenzo Delli -

Recensione WipEout Omega Collection – Il celebre videogioco di corse futuristiche anti-gravità di Psygnosis debuttava nel lontano 1995 su PlayStation e PC Windows. A distanza di più di 20 anni, Sony Entertainment riporta in auge la storica serie che ha comunque ricevuto diverse altre iterazioni nel corso degli ultimi due decenni. Su PS4 ancora non c’era stata occasione di replicare tutta l’adrenalina, la velocità e il divertimento della serie, almeno finora. WipEout Omega Collection per PS4 e PS4 Pro propone al giocatore un gran numero di contenuti derivanti da WipEout 2048, titolo dedicato a PS Vita, da WipEout HD e da WipEout Fury, dedicati invece a PlayStation 3, racchiusi in un’unica antologia rimasterizzata in 4K a 60 fps. Diamoci dentro e scopriamo se vale la pena valutarne l’acquisto!

Editore Sony Interactive Entertainment
Sviluppatore Sony XDev, Clever Beans & EPOS Game Studios
Piattaforme PS4
Genere Racing
Modalità di gioco Singolo giocatore, multi giocatore (locale/online)

Video Recensione WipEout Omega Collection

Come di consueto, trovate nella nostra video recensione di WipEout Omega Collection il riassunto dei concetti espressi nei seguenti paragrafi. Il video è stato realizzato con spezzoni di gameplay tratti dalle nostre sessioni di gioco su PS4. Buona visione!

Maximum Speed

Di WipEout Omega Collection ci sarebbe tanto da dire, e contemporaneamente anche ben poco. Ben poco perché questa Omega Collection è un concentrato di contenuti che un fan della serie non vorrà certo farsi sfuggire. E non sono solo i contenuti a rendere questa antologia un must buy: anche il comparto tecnico e la colonna sonora, che conta come al solito una ricca selezione di brani elettronici di qualità, giustificano ampiamente la spesa tra l’altro per niente esosa. Vediamo comunque di entrare più nello specifico.

La Omega Collection di WipEout comprende tutti gli elementi di gioco visti in WipEout 2048, WipEout HD e nel pacchetto di espansione Fury dedicato a quest’ultimo. Ciò significa che avrete ben 3 diversi campionati da affrontare, utili ad accumulare punti e/o reputazioni per sbloccare nuovi velivoli anti-gravità da pilotare. Iniziando una delle qualsivoglia campagne, che potete anche affrontare con discontinuità dedicando quanto tempo volete a ciascuna di esse, potreste rimanere spaesati dal senso di velocità appena accennato che caratterizza le gare. Il fatto è che così come in altri titoli della serie, ci saranno delle vere e proprie classi di velocità. Proseguendo con le gare, la velocità complessiva dei mezzi aumenterà sensibilmente, fino ad arrivare a livelli a cui potreste far fatica a stare dietro.

Ci sono nove diverse modalità di gioco, tra ci le particolari Detonator o Zone Battle che vi faranno gareggiare su circuiti in stile Tron con vetture diverse, a fianco delle più classiche gare con classifica o ad eliminazione. Vi troverete a gareggiare su 26 tracciati originali (invertibili!), alcuni per niente semplici da affrontare, e averte il vostro bel da fare a sbloccare i 46 modelli di velivoli anti-gravità della collection.

I campionati non sono l’unico modo per divertirsi con questa Omega Collection. C’è anche la così detta Race Box, che vi permette di creare la vostra competizione preferita selezionando modalità di gioco, circuito, difficoltà della IA, classe di velocità e quant’altro, e lanciarvi in una gara diretta per il gusto di gareggiare. A dirla tutta vi consigliamo subito di spararvi una bella gara con classe di velocità massima per rendervi conto di quanto possano essere difficili e appaganti, e poi tornare con la coda tra le gambe ad affrontare i campionati per scalare le classi di velocità con calma. Non abbiamo ancora finito. Sempre nella Race Box è possibile gareggiare a fianco di un amico grazie allo split-screen orizzontale o verticale (sta a voi decidere quale preferite) e come se non bastasse è presente anche la modalità online. La Omega Collection non è ancora disponibile, e per forza di cose non siamo riusciti a testare a dovere questa modalità. Considerate però che vi permette di sfidarvi con amici o perfetti sconosciuti in gare online da 8 giocatori, con la possibilità di crearvi la vostra competizione o di entrare in quelle create da altri utenti.

Un rapido cenno anche al gameplay prima di passare al comparto tecnico. Si potrebbe pensare che WipEout all’epoca fosse prevalentemente ispirato a F-Zero, e un fondo di verità c’è. In realtà però gli sviluppatori all’epoca dichiararono che la maggior fonte di ispirazione era Super Mario Kart. Anche in WipEout, e ovviamente anche nella Collection, non mancano infatti armi e potenziamenti di vario genere (10 in tutto) da utilizzare per avere la meglio sugli avversari. Il giocatore deve quindi concentrarsi su più variabili: sulla posizione delle pedane turbo e quelle dedicate invece ai potenziamenti da attacco o da difesa, sulla struttura della pista, in certi casi sul rimanere in pista e anche su acrobazie di vario genere. Non solo, ogni vettura avrà un’energia massima, al termine della quale si assisterà all’esplosione del veicolo. È però possibile convertire i potenziamenti in energia residua. Da non sottovalutare poi l’appartenenza dei vari veicoli a delle vere e proprie categorie. Ce ne sono alcuni più pesanti, da utilizzare ad esempio nelle partite ad eliminazione che sono in grado di trasportare più razzi e subire più colpi; altri più leggeri, da utilizzare nelle corse a tempo; o classi intermedie, con un giusto bilanciamento delle varie caratteristiche.

Grafica e sonoro al top

La pletora di contenuti è fortunatamente accompagnata da un comparto tecnico all’altezza delle aspettative. A dirla tutta l’engine che spinge WipEout Omega Collection non è forse quanto di meglio può attualmente offrire il mercato, ma è difficile farci caso. I veicoli e i circuiti sono strapieni di dettagli, e non mancano effetti di luce derivanti dall’illuminazione naturale del circuito e dall’utilizzo dei potenziamenti che è possibile raccogliere gareggiando. Il tutto sfreccia a 60 fps praticamente costanti, e su PS4 Pro (con Motion Blur su off) si raggiunge i 4K nativi, e c’è anche il supporto all’HDR!

Per capacitarsi ulteriormente delle potenzialità grafiche, sia durante le gare che al termine delle stesse è possibile usufruire di una ottima modalità fotografica con cui abbiamo eseguito i vari screenshot che trovate in questa recensione. E anche stavolta ad accompagnare il tutto troviamo una colonna sonora di incredibile qualità, comprensiva di brani di artisti quali  The Chemical Brothers, The Prodigy, Swedish House Mafia, Dillon Francis e tantissimi altri. Potete già ascoltarla per intero su Spotify.

9.0

Giudizio Finale

Non c’è molto altro da dire. WipEout Omega Collection debutterà il 7 giugno prossimo sul PlayStation Store a 34,99€ o in formato fisico (è già pre-ordinabile su Amazon) a 39,99€. Visto quanto detto finora il prezzo ci sembra ben più che bilanciato. In definitiva, gli appassionati dei racing game futuristici, che probabilmente si sono già goduti titoli della serie WipEout, non dovrebbero proprio lasciarselo sfuggire. C’è ovviamente da considerare che si tratta di una raccolta di contenuti già visti in edizioni passate di WipEout: è quindi un’occasione d’oro per chi se li è persi e anche per chi se li vuole godere in 4K con l’ausilio di PS4 Pro.

PRO CONTRO
  • 4K, HDR e 60 fps
  • Prezzo contenuto
  • Una valanga di piste, veicoli e modalità di gioco
  • Colonna sonora elettronica al top
  • Dannatamente divertente anche a distanza di 20 anni
  • Di fatto è una raccolta di vecchi contenuti

Recensione WipEout Omega Collection – Screenshot

Recensione WipEout Omega Collection – Trailer

WipEout Omega Collection – Immagini varie