Dal 1° giugno parte Xbox Game Pass, la piattaforma videoludica on demand di Microsoft (Aggiornato: disponibile)

Edoardo Carlo Ceretti -

Annunciata circa tre mesi fa, Xbox Game Pass si prepara a passare dalle parole ai fatti: dal 1° giugno infatti il nuovo servizio di videogiochi on demand di Microsoft sarà finalmente disponibile per tutti gli interessati. Ma come funziona esattamente?

Al momento dell’annuncio, qualcuno lo definì il ‘Netflix videoludico‘, perché in effetti il concetto a grandi linee è lo stesso: pagare un canone mensile fisso – nello specifico il costo sarà di 9,99$ – per avere accesso in modo illimitato ad un catalogo di titoli per Xbox One e alcuni retrocompatibili di Xbox 360. Non si tratta però di una piattaforma di cloud gaming, bensì di veri e propri videogiochi completi che saranno installati nell’hard disk interno delle nostre console e a cui potremo accedere in ogni momento.

LEGGI ANCHE: Sniper Ghost Warrior 3 punta in alto (recensione)

Attualmente il catalogo comprende più di 100 titoli, del calibro di Halo 5: Guardians, NBA 2K16, Payday 2, la saga di Gears of War (i primi tre capitoli), Borderlands, LEGO BatmanSaints Row IV, Mad Max, XCOM: Enemy Within e tanti altri ancora. Il catalogo poi, proprio come avviene per Netflix, subirà dei cambiamenti su base mensile, con novità che entreranno (si spera sempre di più col passare del tempo) e alcuni titoli che usciranno.

Il servizio, come detto, partirà dal 1° giugno, ma già da ora gli utenti Gold potranno provarlo in anteprima gratuita per 14 giorni, per poi scegliere se continuare ad utilizzarlo oppure no. Lasciandovi al video di presentazione di Larry Hyrb, vi chiediamo cosa ne pensate di questa nuova piattaforma proposta da Microsoft: pensate che inizierete ad usarla regolarmente e che col tempo possa rivoluzionare l’approccio al mondo dei videogiochi?

Aggiornamento02/06/2017 ore 15:15

Microsoft nella giornata di ieri ha annunciato, attraverso un tweet di Larry Hyrb, che Xbox Pass è ora ufficialmente disponibile, come avevamo già anticipato.

Via: EurogamerFonte: Larry Hryb (Twitter)