Continuerete ad indossare un wearable dopo questa analisi sulla loro sicurezza?

Cosimo Alfredo Pina

Diversi dei nostri lettori ci staranno leggendo con un activity tracker al polso. Ma quanto sono sicuri i wearable? A rispondere ci prova Open Effect con dati non troppo rassicuranti.

Stando al gruppo di esperti di sicurezza, molti dei dispositivi, tra smartband ed affini, presenterebbero falle potenzialmente utilizzabili da malintenzionati per intercettare e manipolare i vostri dati.

Nello studio è stato dimostrato come sette, degli otto tracker analizzati, utilizzino sistemi di identificazione del dispositivo che espongono la posizione via Bluetooth; inoltre anche molte delle app dei rispettivi indossabili, come quelle di Garmin, Jawbone, Withings e Xiaomi, presenterebbero importanti falle che renderebbero anche possibile falsare l’attività di un utente, con possibili implicazioni di carattere legale.

LEGGI ANCHE: Fitbit a rischio hack: “bastano 10 secondi per infettarli da Bluetooth” 

Tra le realtà più attente alla sicurezza c’è Apple e Fitbit, che dopo lo “scandalo” di qualche mese fa sembra aver messo in piena sicurezza i suoi Charge. Si tratta comunque di problemi di relativamente bassa criticità e difficilmente un hacker si prenderà la briga di rubare i dati sui vostri allenamenti.

Tuttavia, stando all’analisi di Open Effect, il rischio c’è e se siete dei veri fanatici della sicurezza sappiate che la prossima volta che indosserete il vostro wearable state potenzialmente esponendo i vostri dati.

Via: EngadgetFonte: Open Effect