arm cortex m

ARMv8-M: la sicurezza hardware arriva anche sui Cortex-M

Cosimo Alfredo Pina

Di fianco all’annuncio dei nuovi core a basso consumo pensati per le future generazioni di wearable, ARM, in occasione del suo evento TechCon, ha illustrato importanti novità anche per la gamma Cortex-M, i chip a 32 bit dedicati al mondo dell’IoT e dei wearable a lunga autonomia.

ARMv8-M è infatti il nuovo Instruction Set Architecture (insieme d’istruzioni) che si espande rispetto alla versione precedente, con importanti migliorie incentrate alla sicurezza.

La novità sostanziale introdotta dall’architettura ARMv8-M è l’introduzione della TrustZone, tecnologia ereditata dai più potenti ed energivori Cortex-A. Grazie a questa implementazione e l’introduzione di Advanced Microcontroller Bus Architecture 5 e Advanced High-performance Bus 5, le future generazioni di Cortex-M potranno usufruire del sistema di sicurezza a compartimenti, che divide le risorse critiche del sistema da software, dati e hardware non riconosciuti.

LEGGI ANCHE: OmniShield introduce la sicurezza a comparti, anche su smartphone

Per il momento la ARMv8-M rimane senza applicazioni pratiche; solitamente l’azienda divide la presentazione dei chip da quella delle architetture ma, molto probabilmente, non passerà molto tempo prima di vedere l’arrivo di Cortex-M pronti a rendere più sicuri i dispositivi che puntano ad entrare nelle nostre case e raccogliere anche dati sensibili.

Fonte: AnandTech