tatuaggi indossabili

Finalmente arrivano i primi, veri, cerotti smart, ed uno è di L’Oréal!

Nicola Ligas

MC10, un’azienda che investe nel campo dei wearable a scopo medico, ha presentato al CES due prodotti: uno desinato all’ambito della ricerca, e l’altro con ambizioni commerciali. Potete chiamarli “tatuaggi indossabili“, ma forse “cerotti” è più indicato, anche se un po’ li sminuisce.

Il primo si chiama BioStamp Research Connect, un sensore indossabile flessibile che aderisce alla pelle un po’ come un tatuaggio, per monitorare vari parametri vitali (e non solo). È stato pensato per ricercatori che si occupino di problemi neurodegenerativi, ed è in pratica un mini-ECG con anche accelerometro e giroscopio (pensare al livello di miniaturizzazione è impressionante – NdR).

La sua forma è quella in pratica di un simpatico cerotto, che sarà disponibile all’acquisto in un qualche momento del 2016, anche se i più interessati non saranno probabilmente tra voi lettori.

loreal cerotto smart

Il secondo tatuaggio smart, che vedete qui sopra, è realizzato sempre da MC10 ma in collaborazione con L’Oréal: si chiama My UV Patch e serve invece a misurare quanto la pelle sia stata danneggiata dal sole, e dovrebbe avere un impiego commerciale più ampio con l’arrivo dell’estate. Sarà presente anche una companion app che calcolerà cosa la vostra pelle ha “subito” in base al cambiamento di colore del My UV Patch. L’app offrirà anche consigli su come prendersi cura della propria pelle, ma non ci immaginiamo niente di diverso da ciò che viene comunemente raccomandato durante la stagione calda (e chissà perché supponiamo ci sarà qualche “consiglio per gli acquisti da L’Oréal).

Via: Engadget