Ci aspetta un boom del mercato dei visori per AR e VR: nel 2022 saranno oltre 68 milioni

Vincenzo Ronca

Stando all’ultimo report stilato da IDC, le vendite dei visori per realtà aumentata e realtà virtuale sono destinate a crescere esponenzialmente nei prossimi 5 anni. Nel 2017 i numeri si sono attestati sugli 8 milioni di unità vendute e nel 2022, secondo la previsione, cresceranno fino a 68,9 milioni.

La ragione di questa notevole crescita dovrebbe essere l’atteso e robusto sviluppo dell’hardware e software che gestiscono questi dispositivi. Negli ultimi anni abbiamo visto una diffusione dei visori per AR e VR che funzionano basandosi sullo schermo dello smartphone (come il recente Jedi Challenges), i quali, al momento, dominano il mercato. Tuttavia, nei prossimi anni ci aspetta il passaggio graduale da questo tipo di device a quelli dotati di hardware per funzionare autonomamente.

LEGGI ANCHE: PlayStation VR, la recensione

I visori stand-alone, dei quali Oculus Go e Mirage Solo ne sono un esempio, dovrebbero subire un buon incremento delle vendite tanto da arrivare, entro il 2022, al 19% per il mercato relativo all’AR ed al 30% per quanto concerne i device dedicati alla realtà virtuale. Di contro, dovremmo vedere un declino dei visori per VR senza schermo, i quali per funzionare necessitano del collegamento con lo smartphone, dal 43% al 23% entro i prossimi 5 anni.

I visori per AR dovrebbero, invece, subire una notevole crescita, anche quelli non stand-alone con un salto dall’1% attuale al 18% nel 2022 in termini di fatturato. Difficile dire quali dispositivi possano portare a questo successo, sicuramente ci aspettiamo molto dallo sviluppo di Microsoft Holo Lens e da Magic Leap One.

Via: Venture Beat