Xiaomi Mi Band 1S - 2

Ci sono più Xiaomi Mi Band che Apple Watch

Emanuele Cisotti Basandoci sui dati ufficiali di Xiaomi e quelli presunti di Apple, ci sarebbero più Mi Band che Apple Watch.

Certo, è come confrontare “le mele con le pere”, ma per una azienda come Xiaomi il cui primo scopo al momento è far conoscere il suo brand ed imporlo nell’immaginario collettivo (quantomeno asiatico), il risultato di aver spedito ben 10 milioni di Mi Band nei primi 9 mesi del 2015 (senza contare quindi la nuova variante e le vendite natalizie) è un risultato straordinario.

Benché il dato (di vendite) di Apple nello stesso periodo dovrebbe essere di circa 6 milioni (ottimisticamente) quello di cui parliamo non è ovviamente dei ricavi delle due aziende (non c’è neanche da chiederlo), quanto usare Apple come metro di confronto per l’incredibile crescita di Xiaomi, sopratutto nel mondo wearable dove adesso è terza al mondo, senza però vendere realmente in tutto il globo. Una crescita inarrestabile che sembra proseguirà con un drone comandabile da Mi Band e magari un notebook Linux.

Se siete anche voi fra i milioni di possessori di Mi Band qual è stata la vostra esperienza con il mondo wearable? Basta a vostro parere un prodotto a costo molto contenuto per affermarsi in questo ambito?

Fonte: Digitimes