cinturino pebble time pagamenti nfc

Questo cinturino per Pebble Time non piacerà al vostro conto in banca (video)

Cosimo Alfredo Pina

Pebble Time e le relative varianti Steel e Round sono sul mercato già da diversi mesi, durante i quali hanno riscosso un discreto successo. A cavalcare quest’onda stanno arrivando anche i primi cinturini smart compatibili con il connettore del nuovo Pebble.

Vi abbiamo segnalato pochi giorni fa un accessorio che aggiunge sensore di battito cardiaco e ricarica wireless a Pebble Time mentre oggi vi riportiamo Pagaré un cinturino compatibile con i pagamenti con NFC.

Realizzato da Fit Pay, il Pagaré integra un chip NFC che porta i pagamenti contactless a portata di polso; oltre a questo il sistema offre anche un connettore USB sulla parte terminale del cinturino che rende la ricarica di Pebble Time ancora più comoda.

Fit Pay, che con questa idea ha raccolto 3,1 milioni di investimenti, promette che il suo cinturino NFC è già compatibile con 9 milioni di POS, ovvero tutti quelli che offrono il supporto ad Apple Pay.

LEGGI ANCHE: Potenziate il vostro Pebble Time con sensore cardiaco e ricarica wireless

La startup garantisce la massima sicurezza per le carte di credito dell’utente collegate al sistema, grazie a dei token che non richiedono di conservare i dati sensibili e una protezione con PIN che scatta tutte le volte che ci si toglie lo smartwatch.

Nonostante i finanziamenti raccolti, Fit Pay non è ancora pronta per il mercato. Per questo sta sfruttando la classica formula del crowdfunding per raggiungere l’obiettivo di 120.000$.

Se non temete troppo per il vostro conto in banca anche voi potete contribuire accaparrandovi un Pagaré, messo in pre-vendita su Kickstarter a partire da 69$ con spedizione prevista per il prossimo luglio 2016, quando magari Apple Pay e simili inizieranno a diffondersi anche in Italia.

Via: The Verge