dot indossabile braille

Dot: l’innovativo indossabile che traduce ogni ebook in braille

Cosimo Alfredo Pina

Rendere unico, innovativo e magari anche utile un indossabile è un questione sempre più difficile. Dot, un braccialetto smart,almeno sulla carta, sembra proprio un classico indossabile: messaggistica, connettività Bluetooth, orologio e sveglia.

Tuttavia l’attenzione del progetto dietro a Dot è incentrata sulle persone non vedenti infatti questa smart band invece di un normale display o di indicatori LED, integra una casella per la lettura in braille.

Grazie a questo componente, oltre a poter consultare l’ora, Dot permette di leggere gli ebook grazie al sistema di traduzione in braille integrata. Dieci ore di autonomia e un prezzo relativamente accessibile di 300$, rispetto ad un normale lettore e-braille, promettono di portare la lettura per i non vedenti a portata di polso.

LEGGI ANCHE: Un ragazzino costruisce una stampante Braille, con i mattoncini Lego

Secondo enti di solidarietà statunitensi ed inglesi, le persone non vedenti capaci di leggere il braille sarebbero soltanto il 10 % del totale, mentre i libri trascritti in braille soltanto l’1 % della letteratura mondiale.

Dot punta quindi a rendere l’accesso alla cultura più facile anche per coloro che non possono leggere i libri stampati. Trovate maggiori informazioni e la possibilità di rimanere aggiornati sulla disponibilità di Dot, direttamente sul sito ufficiale.

Via: Engadget
  • Psyco98

    Non credo che leggere su uno smartband sia qualcosa di così appagante: 4 lettere alla volta non è proprio il massimo… Anche se fossero state sufficienti per fare una parola per volta, dopo poche pagine credo che in molti lascerebbero perdere (sia in braille che scritto)…
    Comunque complimenti per l’idea, di vede che c’era l’intenzione di fare qualcosa di nuovo.