intel project alloy

Intel Project Alloy: ecco il visore VR senza PC o smartphone per la “realtà fusa”

Cosimo Alfredo Pina

Non è la prima volta che si parla di un visore VR capace di funzionare senza bisogno di altri dispositivi, come un PC o uno smartphone, ma questa volta dietro a questo concetto c’è un nome decisamente importante, quello di Intel. Il colosso dell’hardware lancia infatti Project Alloy un visore VR senza fili e standalone.

Intel Project Alloy integra tutto il necessario per funzionare, dall’hardware per la potenza di calcolo ai sensori basati su RealSense per tracciare i movimenti e tutto quello che circonda l’indossatore; ovviamente non manca la batteria. In effetti questo visore, che comunque chiude il campo visivo dell’indossatore, non è né per la realtà virtuale né per quella aumentata.

Intel parla piuttosto di “realtà fusa”, che unisce immagini generate con quelle captate da sensori e fotocamera del mondo circostante. Qualcosa che praticamente unisce i concetti di Oculus Rift e simili con Microsoft HoloLens per creare un ibrido, non potente quanto un visore per un PC ma sicuramente più performante ed immersivo di, ad esempio, un Gear VR. Project Alloy non è comunque un prodotto pensato direttamente per il mercato.

LEGGI ANCHE: Ecco Xiaomi Mi VR, il visore VR super-economico per smartphone

Con Alloy Intel cerca di gettare le basi per un nuovo tipo di dispositivo e durante l’evento di lancio dell’IDF, la conferenza per sviluppatori che andrà avanti fino a domani, ha spiegato che il visore e la tecnologia RealSense integrata diventeranno open source in modo da permettere a chiunque, con i giusti mezzi, di realizzare il proprio visore.

A tal proposito Microsoft ha ricordato in occasione del lancio di questo visore come Windows Holographic, l’interfaccia per visori VR e AR di Windows 10, sarà disponibile anche per i produttori. Intel e Microsoft quindi vogliono un futuro in cui di fianco a smartphone, tablet, PC, console e tutto ciò che già ci circonda ci siano anche i visori per la realtà in qualche modo alterata digitalmente; le premesse sembrano molto interessanti, ma ancora è presto per capire se sul mercato consumer c’è davvero spazio per questo tipo di tecnologia.

Via: The Verge
  • xRaska

    Devo ammettere che il progetto mi intriga molto, vorrei provare questa nuova tecnologia ma la mia 970 non me lo consente. Speriamo per il prezzo