Microsoft HoloLens Development Edition final

HoloLens: via ai pre-ordini per il visore da 3.000$ che difficilmente potrete provare (foto e video) (aggiornato)

Cosimo Alfredo Pina -

Si aspettava tra oggi e domani, e Microsoft HoloLens non ci ha fatto aspettare molto. Il visore per la realtà aumentata di Microsoft è ufficialmente in pre-vendita, anche se difficilmente riuscirete ad accaparrarvene uno.

Il nome di Microsoft HoloLens Development Edition ne tradisce la natura, ovvero quella di dispositivo ancora in fase sperimentale e, sebbene disponibile al pre-ordine con spedizione dal 30 marzo, soltanto un target ben preciso di utenti possono acquistarlo.

L’obiettivo non è tanto quello di lanciare sul mercato HoloLens, ma quello di cercare di creare un ecosistema in realtà aumentata adeguato alla fascia più o meno consumer. Infatti per poter acquistare un HoloLens, oltre ad avere a disposizione 3.000$, dovrete essere sviluppatori residenti in USA (Porto Rico incluso) o Canada, iscritti al programma Windows Insider e, ovviamente, conoscere la lingua inglese, visto che l’UI è solo per anglofoni.

LEGGI ANCHE: Oggi (29 febbraio) aprono i pre-ordini di HTC Vive: ecco il prezzo per l’Italia

Caratteristiche tecniche Microsoft HoloLens

Gli HoloLens integrano una Holographic Processing Unit creata ad hoc su architettura Intel a 32-bit, capace di rendere il visore capace di funzionare senza un PC connesso. Il display offre una risoluzione di 2,5K di radianti, mentre al camera integrata permette di catturare video in HD, che includono anche gli ologrammi.

Il Bluetooth 4.1 può essere usato per vari accessori, come il clicker (pulsante per il clic) incluso nel kit di Microsoft HoloLens. A seguire la scheda tecnica completa.

  • Processore: Microsoft Holographic Processing Unit (HPU 1.0)
  • RAM: 2 GB
  • Archiviazione: 64 GB (max 900 MB per app/gioco)
  • Sistema ottico: 2 x schermi olografici a tre lenti (una per colore RGB) 1268 x 720 pixel, con calibrazione della distanza pupillare
  • Sensori: 1 IMU, 4 videocamere ambientali, videocamera convenzionale da 2 MP, 4 microfoni, 1 sensore di luce ambientale
  • Wireless: Bluetooth 4.1 LE, Wi-Fi 802.11 ac
  • Connettività: jack audio 3,5 mm, micro USB 2.0
  • Batteria/Autonomia: 2-3 ore in attività, 2 settimane in standby, possibile utilizzo cablato

Altra caratteristica degna di nota quella per la protezione dal surriscaldamento: dato che HoloLens si affida al raffreddamento passivo, le app troppo avare di risorse saranno chiuse automaticamente per evitare che le temperature salgano troppo.

Disponibilità Microsoft HoloLens

Se anche fra i nostri lettori c’è qualcuno che avrà la possibilità e il coraggio di lanciarsi in questa “avventura” come pioniere della realtà aumentata made in Redmond, potrà contare, oltre che ai tutorial del Dev Center, anche su diversi contenuti esclusivi e oltre alle tante app universali presenti dello studio saranno incluse:

  • HoloStudio: un programma, “il primo del suo genere”, che permette di esplorare le possibilità offerte dal mono degli ologrammi. Creazione di modelli 3D, interazione con il mondo reale e supporto ai comandi con sguardo, gesture e voce, HoloStudio è il ponte di collegamento tra sviluppo tradizionale e HoloLens
  • Skype: avrete sicuramente presente la messaggistica di Skype. Con la versione per HoloLens, videochiamate, chat e contatti vengono portati nella realtà aumentata.
  • HoloTour: un viaggio in realtà aumentata in alcune delle località più suggestive del mondo, senza lasciare la comodità di casa. Tra i luoghi esplorabili grazie ad immagini a 360° c’è Roma e Machu Picchu.

Oltre agli strumenti ci saranno anche dei giochi: Fragments, un gioco di investigazione ambientato nella stanza in cui vi trovate, Young Conker, un platform, RoboRaid, uno sparatutto dove la stanza viene invasa da alieni robot, e anche Actiongram, un “video editor” per creare filmati in realtà aumentata con tanto di modelli 3D. Guardate i video qui sotto per fervi un’idea più chiara.

Insomma Microsoft HoloLens Development Edition è ancora in fase di sviluppo e nonostante questa apertura rimane comunque un dispositivo non pronto per entrare nelle case di tutti. Per allora vogliamo ben sperare che  costerà meno.

Aggiornamento 04/03: abbiamo aggiunto la scheda tecnica completa e nuove foto, grazie alle specifiche riportate sul sito Microsoft.

 

Fonte: Blog Windows