I prossimi Google Glass potrebbero essere molto simili a Microsoft HoloLens

Vezio Ceniccola

I Google Glass sono stati uno dei progetti più avveniristici e, allo stesso tempo, deludenti che la storia della tecnologia ricordi. L’azienda di Mountain View non ha ancora dimenticato questo dispositivo e anzi, nel corso degli ultimi anni, ha spesso cercato di resuscitarlo, magari in una nuova veste. E proprio sulla scia di questo desiderio potrebbe presto arrivare un nuovo progetto di occhiali intelligenti, ispirati a quelli di un noto rivale.

Secondo le ultime informazioni trapelate dal mondo industriale, Google sarebbe al lavoro insieme all’azienda taiwanese Quanta su un nuovo prototipo definito “Google A65“. Si tratterebbe niente meno che di un visore per la realtà aumentata con uno stile molto simile a quello di Microsoft HoloLens, dunque dotato di visiera e schermi integrati.

Il dispositivo dovrebbe funzionare in maniera totalmente autonoma, perciò non ci sarebbero cavi o altri collegamenti a periferiche esterne. Tutto l’hardware sarebbe inserito nella scocca, per dare un’esperienza stand-alone di altissimo livello, e non mancherebbero sensori, microfoni, fotocamere ed altre periferiche di input.

Sebbene si tratti di un prototipo in fase sperimentale, sembra che all’interno della scocca possa trovare posto un SoC Qualcomm QSC603, chip quad-core pensato appositamente per l’Internet of Things che prevede 2 core Kryo 300 Gold (ARM Cortex-A75) e due Kryo 300 Silver (ARM Cortex-A55). Altre fonti dicono che potrebbe essere utilizzato il più potente octa-core Qualcomm QSC605, ma per adesso non c’è ancora neanche l’ombra di una conferma.

LEGGI ANCHE: I Google Glass di Qualcomm

A livello di funzionalità, nessuno si sbilancia molto. Le ipotesi più probabili si riconducono a quanto visto sul già citato HoloLens, dunque ci si attende un’esperienza improntata soprattutto sull’interazione con l’ambiente reale grazie all’AR. Gli sviluppi del machine learning, del riconoscimento visivo e dei comandi vocali potrebbero, però, fornire una marcia in più al progetto Google, che potrebbe facilmente integrare Assistant e gli altri servizi smart che ben conosciamo.

Sarà davvero questo nuovo Google A65 – o come si chiamerà in futuro – l’erede dei Google Glass? Lo scopriremo solo nei prossimi mesi, quando potremo mettere le mani su informazioni più concrete a riguardo.

Via: WinFuture