omate rise_1

Omate Rise: cronografo smart con Lollipop che sarà su Indiego solo per 48h (foto)

Cosimo Alfredo Pina -

Omate continua a rinnovare il suo parco smartwatch, questa volta con un’alternativa decisamente più sportiva, rispetto ai modelli già visti. Il Rise è infatti un orologio smart basato su Android, in versione vera e propria e non Wear, dalla forma ispirata ad un moderno cronografo.

Nonostante il tocco casual Omate Rise promette davvero molto sia in termini di qualità costruttiva sia in ricchezza di funzioni. Cornice in fibra di carbonio, rifiniture in acciaio, vetro con copertura allo zaffiro, cinturino da 22 mm intercambiabile e impermeabilità fino a 10 metri di profondità, sono quello che l’orologio mostra al suo esterno.

Sul lato delle funzioni smart non sembra mancare niente, almeno sulla carta: display touch capacitivo da 1,3″, microfono ed altoparlante, Bluetooth, Wi-Fi, slot per micro SIM e, più o meno, tutte le funzioni familiari agli utenti Android con autonomia nell’ordine dei sette giorni. Di seguito una scheda tecnica più dettagliata:

  • Processore: dual core Cortex A7 a 1,2 Ghz (chipset Mediatek MT2601)
  • GPU: Mali 400
  • RAM: 512 MB
  • Display: In Cell TFT da 1,3″ risoluzione 360 x 360 pixel
  • Batteria: 580 mAh
  • Sistema operativo: Android Lollipop 5.1 con interfaccia OUI 4.0
  • Archiviazione: 4 GB interna
  • Connettività: Wi-Fi (b/g/n), Bluetooth 4.1, A-GPS, HSPA
  • Peso e dimensioni: 80g, 57,6 x 49,8 x 15,2 mm

Come già fatto in passato dalla startup, anche Omate Rise cercherà successo sul crowdfunding, ma questa volta con una formula un po’ particolare. Dal prossimo 7 dicembre l’orologio sarà disponibile al pre-ordine su Indiegogo (spedizioni promesse a marzo 2016), soltanto per 48 ore e al prezzo promozionale di 199$.

LEGGI ANCHE: OXY, il nuovo smartwatch in cerca di fondi basato su Android, ma senza Wear

Se il vostro sogno è sempre stato quello di portare al polso un vero e proprio telefono Android vi conviene tenere d’occhio la pagina ufficiale, dove è presente un conto alla rovescia e la possibilità di iscriversi per rimanere aggiornati, oltre che dare un’occhiata a OXY, un progetto per uno smartwatch piuttosto simile.

  • shishimaru

    In genere se non è Android Wear (in questo caso sembra Android puro modificato ad-hoc) tendo a preoccuparmi del supporto. È anche vero che aggiornamenti di Android Wear non portano nulla di incredibile.