Mistry head of think tank team Samsung Research America presents Samsung Galaxy Gear smartwatch at IFA consumer electronics fair in Berlin

Orologi banditi dalle università: colpa degli smartwatch

Leonardo Banchi -

L’arrivo e la progressiva diffusione degli smartwatch ha portato, per gli studenti di alcune università americane, ad un inaspettato effetto. Data la somiglianza di questi dispositivi con i loro corrispondenti tradizionali, infatti, molte istituzioni hanno iniziato a vietare agli studenti di indossare, all’interno delle aule degli esami, qualunque tipo di orologio.

LEGGI ANCHE: Sony SmartEyeglass: il gadget che rende smart ogni paio di occhiali

La decisione è stata dettata dalla difficoltà che il personale di vigilanza ha incontrato nel distinguere, ad uno sguardo rapido, un normale orologio da uno con capacità smart, in grado di collegarsi ad internet e quindi di accedere ad una ricca quantità di informazioni e possibilità che potrebbero facilitare gli studenti nello svolgimento degli esami.

Attraverso l’utilizzo di questi dispositivi, infatti, ciascuno studente potrebbe visualizzare note ed appunti, effettuare ricerche e comunicare con il mondo esterno, semplicemente fingendo di guardare l’ora, e data la difficoltà di stabilire quali, fra tutti gli orologi in possesso agli alunni, fosse in realtà uno smartwatch, la soluzione adottata è stata uniforme per qualunque accessorio da polso: essi dovranno essere riposti, prima dell’inizio dell’esame, negli appositi contenitori di plastica precedentemente destinati solo agli smartphone.

Ovviamente, per sopperire a questo nuovo divieto, le facoltà hanno anche dovuto aggiornare i propri equipaggiamenti, acquistando un largo numero di orologi da parete e perfino delle sveglie da scrivania, che potranno essere richieste dagli studenti che desiderano tenere sotto controllo lo scorrere del tempo durante i loro esami. La situazione sembra quindi destinata a continuare su questa direzione, vista la popolarità sempre crescente di questi dispositivi. Sarà sufficiente, o in futuro dovremo aspettarci nuovi provvedimenti, considerata la diffusione ormai inarrestabile di accessori smart dalle forme sempre più insospettabili?

VIA: Buzzfeed