Zeiss-VR-One-Plus_5

Zeiss VR One Plus è un Carboard di lusso che sfida Gear VR con Daydream e non solo

Cosimo Alfredo Pina -

Qualcuno dei nostri lettori si ricorderà come a fine 2014 Zeiss presentava il VR One, un visore che di fondo era un Cardboard ma che prometteva tanta qualità in più, paragonabile a quella di un (vecchio) Gear VR. Adesso l’azienda ripropone la stessa formula di qualità con Zeiss VR One Plus (non fatevi ingannare dal nome non ha niente a che fare con l’azienda degli smartphone).

Si tratta di un visore che all’apparenza ricorda molto la prima generazione, ma che la migliora in molti aspetti; primo fra tutti il supporto a Google Daydream, l’elaborata piattaforma per la realtà virtuale presentata al Google I/O 2016, e l’ambiziosa promessa di fornire un’esperienza room-scale, ovvero potrete spostarvi dentro una stanza, un po’ come con è possibile con il Vive.

LEGGI ANCHE: Ecco come vi vedrete nella realtà virtuale di Daydream

Migliorato anche uno dei punti deboli della prima versione, ossia la compatibilità. Se la prima versione era utilizzabile solo con specifici smartphone, Zeiss VR One Plus può alloggiare qualsiasi telefono tra i 4,7 e 5,5″ di diagonale. A completare il tutto la possibile integrazione con il drone DJI Inspire 1 per vederne le riprese in prima persona.

Un set di caratteristiche, almeno sulla carta, davvero interessanti e che ovviamente si fanno pagare. Il Zeiss VR One Plus sarà in vendita da agosto al prezzo di 129$, tutto sommato in linea con il Samsung Gear VR.

Fonte: Android Headlines
  • jiraya142

    seguo