Amazon Prime Day 2020 verso il rinvio in tutto il mondo

Edoardo Carlo Ceretti -

Alla lunga lista di manifestazioni ed eventi cancellati o rinviati a causa dell’emergenza sanitaria globale che stiamo vivendo, presto potrebbe aggiungersi anche l’edizione 2020 dell’Amazon Prime Day, prevista come da tradizione per il periodo estivo.

L’indiscrezione proviene dall’agenzia di stampa Reuters a cui, al momento, ha fatto seguito un No comment da parte dei vertici di Amazon, segno che una decisione definitiva debba ancora essere presa, ma che la direzione sia proprio quella di una posticipazione.

LEGGI ANCHE: Tutte le iniziative di Solidarietà Digitale

Il motivo è più che comprensibile: muovere una mole straordinaria di merci in tutto il mondo, impiegando un enorme numero di dipendenti – fra magazzini e servizi di consegna – nel corso di un’emergenza sanitaria senza precedenti, comporterebbe un rischio assolutamente ingiustificato.

Per il momento però, si parla appunto di rinvio, nella speranza che si riesca a trovare un periodo più propizio nel corso di quest’anno solare. D’altronde, il Prime Day è un evento che consente agli utenti di acquistare i loro prodotti preferiti a prezzi vantaggiosi e, soprattutto, ad Amazon di far registrare ricavi da capogiro (l’anno scorso c’è stato un giro d’affari da 2 miliardi di dollari). Dunque, nel caso venisse davvero posticipato, il colosso dell’e-commerce farà di tutto per trovare un’altra finestra temporale.

OFFERTE SU AMAZON

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “06/04 – Amazon Music gratis, Prime Day rimandato, 5G e coronavirus” su Spreaker.