Addio OSOM OV1: lo smartphone con anima Essential sarà sostituito

Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca
Addio OSOM OV1: lo smartphone con anima Essential sarà sostituito

Vi ricorderete di OSOM OV1, il dispositivo che avrebbe dovuto portare una ventata di novità nel settore di mercato degli smartphone, nato dal un gruppo di ex dipendenti Essential. Arrivano brutte notizie per coloro che lo attendevano con ansia.

Offerte Amazon

OSOM ha appena annunciato su Twitter che collaborerà con l'azienda Solana per la realizzazione di Solana Saga, uno smartphone Android strettamente integrato con il blockchain di Solana e adatto a transazioni secondo il protocollo Web3, particolarmente indicate per la gestione di beni digitali come token e NFT.

Anche Jason Keats, il fondatore e CEO di OSOM che aveva descritto con entusiasmo lo smartphone OV1 che stava sviluppando la sua azienda, ha confermato la partnership con Solana, e che l'OSOM OV1 diventerà Solana Saga.

Da che ci aspettavamo un dispositivo Android particolare ma adatto ad un'ampia platea di utenti, focalizzato prettamente sull'aspetto della privacy e della condivisione centellinata dei dati personali, ora dobbiamo aspettarci un dispositivo ancor più di nicchia.

Probabilmente il nuovo Solana Saga non sarà concepito per l'uso quotidiano che facciamo degli smartphone Android, e molto probabilmente non arriverà ufficialmente nei mercati europei. Date le sue specifiche sulla carta, almeno dal punto di vista blockchain, ci aspettiamo anche che non sarà economico.

Come riportato da 9to5Google, il Solana Saga dovrebbe arrivare sul mercato con le specifiche che dovevano essere dell'OSOM OV1: processore Snapdragon 8+ Gen 1, 12 GB di RAM, un display da 6,55" a 120 Hz, una batteria da 4.100 mAh con ricarica wireless, una fotocamera principale da 50 MP e una fotocamera grandangolare da 12 MP. Anche per il design non ci aspettiamo stravolgimenti rispetto a come doveva essere OSOM OV1.

Il nuovo Solana Saga può essere prenotato versando un deposito di 100 dollari soltanto daglpi utenti statunitensi. Il lancio sul mercato dovrebbe avvenire entro il primo trimestre del 2023.

Mostra i commenti