Focus marzo 2019

Focus è totalmente nuovo e dentro c’è anche SmartWorld

Emanuele Cisotti

Siamo felici di annunciare che la rivista del nostro brand “cugino” Focus è disponibile da oggi in edicola (e nelle varie piattaforme digitali) in una veste totalmente rinnovata. Si tratta non solo un restyling estetico ma anche di un forte rinnovamento nei contenuti.

Nel numero di marzo 2019, disponibile dal 21 febbraio, infatti troverete una rivista diversa, a partire dalla copertina, con un nuovo logo rosso e più grande e che prosegue all’interno con una nuova rubrica denominata Prisma che vi darà una panoramica su tutti i contenuti di qualità che troverete all’interno. Fra questi una nuova rubrica di arte curata da Vittorio Sgarbi e che partendo da un’opera analizzerà un intero periodo storico. Ci sarà poi anche uno sguardo più attento sull’attualità, sempre attraverso l’approccio scientifico e l’analisi dei fatti tipici di Focus.

Prosegue poi la strada della realtà aumentata all’interno della rivista, che oltre ad offrire video, timelapse, render 3D ed infografiche, ora vi permetterà anche di ascoltare una pagina curata ogni mese diversa.

E in tutto ciò ci siamo anche noi di SmartWorld, che sbarchiamo su Focus con una rubrica di confronto tecnologico e che in questo primo numero riguarda gli assistenti vocali. Continuate a seguirci perché si tratta di un nuovo percorso molto interessante (e anche estremamente diverso da quello online) che vi permetterà di scoprire pro e contro di tutte le tecnologie del momento con confronti sempre molto avvincenti.

  • Mciro

    Bravi ragazzi! Buon lavoro 😀

  • eXcalibur🗡️

    Ottimo lavoro! Ma il canale TV di FOCUS é un mondo a parte? Perché le trasmissioni che vengono mandate in onda sono davvero di Pessina qualità! Con l’annuncio del ritorno in Montadori mi sarei aspettato programmi fatti a DOC per ogni campo scientifico da divulgatiri scientifici Italiani.
    Spaziando da un target molto ampio, da programmi per bambini, una specie di Melevisione scientifica fino a programmi con esperimenti complessi, argomenti sull’ingegneria genetica, la salute, la nutrizione. Insomma se avreste voluto fare un canale scientifico di qualità di certo non mancavano gli argomenti o le persone capaci per farlo!