App

L'app Poe: come avere ChatGPT e tanti altri chatbot su Android

Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca
L'app Poe: come avere ChatGPT e tanti altri chatbot su Android

Nell'ultimo anno abbiamo assistito a un incremento vertiginoso dei servizi chat basati sull'intelligenza artificiale. Tutto è iniziato con ChatGPT, e poi è proseguito con il lancio dei suoi omologhi. L'ultimo a essere arrivato ufficialmente sul suolo italiano è Bard di Google.

Mentre abbiamo approfondito in diversi sensi l'utilizzo dei chatbot su PC, il loro utilizzo su smartphone è ancora parzialmente inesplorato. E per questo negli ultimi giorni abbiamo provato Poe, un'app lanciata prima per iPhone e recentemente arrivata su Android che raccoglie diversi chatbot permettendone l'utilizzo a portata di smartphone.

L'app per domare tutti (o quasi) i chatbot

L'app Poe ha un unico quanto importante scopo, ovvero permettere l'accesso e l'interazione con i principali chatbot basati su intelligenza artificiale direttamente da smartphone.

Al primo avvio l'app vi chiederà di effettuare l'accesso tramite numero di telefono personale, il quale servirà per una verifica tramite codice univoco, oppure tramite email. Una volta effettuato il primo accesso riceverete il benvenuto da Sage, l'assistente virtuale smart di Poe, basato anche lui sull'intelligenza artificiale e un chatbot a tutti gli effetti.

L'interfaccia grafica di Poe è piacevole, sebbene non sia aggiornata secondo i canoni del Material You. La struttura dell'interfaccia grafica è abbastanza chiara, la navigazione risulta semplice e difficilmente non saprete cosa fare per accedere a una determinata opzione.

Poe permette di scegliere tra vari chatbot con i quali interagire. Si tratta di servizi basati sull'interazione tramite chat, e dunque esclusivamente testuale. Tra quelli attualmente disponibili ci sono ChatGPT, con alcune sue versioni più sviluppate e più sperimentali, Google Palm, che è lo stesso modello sul quale funziona Bard, e Claude Instant.

In base al chatbot che sceglierete avrete più o meno possibilità di interazione. Come vedete dagli screenshot che trovate in galleria, abbiamo provato principalmente ChatGPT, con le sue diverse versioni che si differenziano principalmente per il modello sul quale sono sviluppate, Google Palm e Claude Instant. Tutti i servizi supportano l'interazione in lingua inglese, e in base a quello che dovrete generare vi converrà sceglierne uno in particolare.

In questo l'app Poe vi aiuta perché per ogni chatbot scelto viene fornita una breve descrizione su quello che è in grado di fare e soprattutto sulla tipologia di contenuti per i quali le performance sono più alte. Ad esempio, Claude-2-100k è particolarmente indicato per coloro che cercano un chatbot bravo nella generazione di contenuti testuali creativi.

Alcuni dei chatbot supportano anche l'italiano. La nostra impressione è stata nel complesso ottima. Sia in italiano, per i servizi che lo supportano, che in inglese l'interazione con i chatbot è stata molto fluida, con la generazione di risposte sempre coerenti, sporadicamente ripetitive, e accurate in base alla richiesta fatta. Insomma, sarà come usare gli stessi chatbot su PC.

Per ogni chatbot disponibile l'app Poe propone una chat dedicata, proprio come un'app di messaggistica, conservando anche la cronologia di conversazione.

Download gratis, alcuni chatbot con limitazioni

L'app Poe è disponibile al download gratuito su Android.

Anche il suo utilizzo è gratuito, e non prevede annunci pubblicitari. Per quanto riguarda i chatbot, è bene sottolineare che alcuni di loro prevedono delle restrizioni se non si sottoscrive l'abbonamento a pagamento. Alcune versioni di ChatGPT prevedono ad esempio un numero massimo di messaggi giornalieri, mentre la versione standard è disponibile gratis con messaggi illimitati.

Qui sotto trovate il pulsante diretto per scaricare e installare Poe direttamente dal Play Store.

Scarica da Play Store

Mostra i commenti