App

BeReal., cos'è e come funziona l'app anti-social

BeReal., cos'è e come funziona l'app anti-social
Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Forse ve ne sarete accorti: sono un patito di social. Non tanto come utilizzatore spasmodico, quanto più come studioso delle dinamiche che portano le persone a usare un social piuttosto che un altro. Amo quindi cercare di capire i nuovi social nascenti ed è anche per questo che in passato ho provato a raccontarvi Snapchat, le storie di Facebook, Clubhouse e Dispo. Oggi voglio invece raccontarvi BeReal. (sì, c'è un punto dopo il nome, che però d'ora in poi ometterò). Vi anticipo che è probabilmente il "social" che più mi ha preso rapidamente (anche se avevo già provato a usarlo un anno fa, ma senza fortuna, visto che ero "da solo"), ma è anche quello per cui nutro più dubbi sul suo futuro. Andiamo con ordine.

Cos'è BeReal

BeReal è un anti-social network. L'ho chiamato io così, non è la definizione ufficiale. Lo slogan ufficiale è "i tuoi amici sono reali".

L'idea di questa app (che è tale, visto che non è fruibile altrimenti) è quella di permettere alle persone di raccontare un momento della propria giornata ai propri amici, oppure anche a tutto il pubblico dell'app, nel modo più reale possibile. Basta finzioni, filtri, vacanze caraibiche che non esistono, sponsorizzazioni e soprattutto... basta influencer.

Questa app infatti vuole favorire l'interazione fra amici e persone che si conoscono abbastanza bene, permettendo di mostrarsi come si è davvero nei momenti più vari della nostra giornata: assonnati, davanti al pc, struccati o sudati. Bisogna essere reali su BeReal.

Come funziona BeReal

Se quello che vi ho detto finora potrebbe avervi confuso adesso vi chiarirò il tutto con la spiegazione del funzionamento pratico di BeReal. L'app vi invierà una notifica al giorno, ad un orario casuale e sempre diverso. Questa notifica è la stessa che riceveranno tutti gli utenti di BeReal in contemporanea. Da quel momento avrete due minuti di tempo per aprire l'app e scattare due foto, una con la fotocamera principale e un secondo dopo con quella frontale.

A quel punto le opzioni sono pochissime: decidere se mostrarla solo ai propri amici o a tutti e scegliere se aggiungere o meno la geolocalizzazione (attenzione questa è estremamente precisa!).

Una volta pubblicata la foto potrete vedere anche quelle dei vostri amici, pubblicate in questi stessi due minuti. Questo sistema vi spingerà ad essere il più autentici possibili, oltre a impedirvi (almeno in teoria) di avere il tempo di prepararvi per una foto migliore. Potrete anche pubblicare una volta scaduti questi due minuti, ma una sorta di messaggio della vergogna indicherà chiaramente che avete pubblicato in ritardo (e di quanto). In sostanza l'app non potrà "garantire" che siate stati davvero così autentici. Ma meglio di niente, anche perché per fortuna non viviamo sempre con lo smartphone in mano.

Un altro simpatico meccanismo che rende l'app molto "reale" sono le RealMoji. Potrete inviare una fra le cinque reazioni disponibili, ma solo dopo averla "mimata" con un selfie.

In sostanza ci metterete la faccia quando reagirete alle foto dei vostri amici. Al BeReal successivo tutti i contenuti spariranno e si ricomincerà con quelli della nuova giornata. Voi potrete ancora rivedere (e scaricare) in un archivio le foto precedenti. Sono presenti i commenti, anche se sono molto scarni e non ne viene spinto molto l'utilizzo. Non ci sono altre funzioni: non potrete taggare persone, brand o aggiungere sticker. BeReal è il massimo del minimalismo. E lo si vede anche nell'interfaccia e nel funzionamento. Se la connessione non è impeccabile caricare le foto può risultare particolarmente lento.

C'è poi una sezione Discovery in cui vedere quelli resi pubblici in tutto il mondo. Divertente se proprio siete super annoiati, ma non per più di due minuti.

Ma quindi com'è BeReal?

Come vi ho accennato in apertura BeReal mi è piaciuto moltissimo, almeno al secondo tentativo. Questo perché senza amici BeReal è ancora più inutile di qualsiasi altro social e app in circolazione.

Se avete paura di farvi vedere spettinati sappiate che ci sono altre milioni di persone e tantissimi amici che sono nella vostra stessa situazione e BeReal ve lo mostra, riportandovi ad una realtà più terrena. Basta auto di lusso, viaggi esotici e cene nei ristoranti stellati. La relatà è un'altra. BeReal è un "social" alla portata di tutti, non dovete per forza essere influencer per avere qualcosa da mostrare, ma basterà una semplice foto noiosa per ricordare agli amici più veri della vostra esistenza e viceversa. Possono nascere comunque simpatici spunti di discussione e anettodi da coincidenze dettate dal pubblicare tutti nello stesso momento.

Non credo di sbagliarmi nel dire che nel complesso BeReal è un social noioso, ma questo perché le nostre vite sono fondamentalmente "noiose" (almeno se le guardiamo dal punto di visto di quello che può essere immortalato in una foto).

E non c'è niente di male. È comunque a mio parere anche un ottimo modo di spendere il proprio tempo, visto che è un passatempo più rapido e innoquo del doom scrolling sui veri social network.

Quale futuro per BeReal?

Questa è un'ottima domanda e se fossi davvero costretto a dare una sola risposta al momento direi che il futuro di BeReal non è particolarmente roseo. Con l'aumentare del pubblico e degli utenti sicuramente i costi per la gestione dei server e di tutta l'infrastruttura aumenteranno per i gestori francesi di BeReal. Al momento non c'è nessun ritorno economico per l'azienda. L'inserimento di pubblicità fra i messaggi è probabilmente la soluzione più ragionevole, ma dubitiamo che possano bastare per tenere a galla un'azienda che fa della veridicità la sua chiave. In più BeReal non si presta ad essere un buon posto per gli influencer o per i profili aziendali.

BeReal vuol dire realtà e nessuna azienda sarebbe disposta a mostrarvi una realtà noiosa. E chi è su BeReal non vuole finzione. Per quello c'è già Instagram.

BeReal sembra quindi una bellissima bolla, ma c'è il rischio concreto che con l'aumentare degli utenti questa bolla possa scoppiare. O per i troppi costi o per dei costi morali che chi è su BeReal non vuole pagare.

Mostra i commenti