App

Twitter, il blocco delle app di terze parti è ufficiale

Con una nuova riga nel Developer Agreement di fatto si sancisce la fine di popolari app
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Twitter, il blocco delle app di terze parti è ufficiale

Il nuovo "Twitter 2.0" non avrà ancora preso una forma chiara, almeno per chi non sia Elon Musk, ma è indubbio che riesca a fornire sempre nuovi spunti di interesse (ecco come funziona l'app) e arrabbiature, per usare un eufemismo, per utenti e sviluppatori.

Questa settimana, la notizia che ha occupato tutti i siti di settore e non solo è stato il blocco alle app di terze parti. Accidentale? Intenzionale? Violazione di un'inesistente regola? Niente di tutto questo. Senza dir niente a nessuno, nottetempo la popolare app di microblogging ha cambiato le regole del suo Developer Agreement e in un attimo popolari client come Tweetbot, Twitterific e Plume sono diventati illegali. E forse non è l'ennesima giravolta, ma un'indicazione di quello che sta succedendo a San Francisco. 

Offerte Amazon

Facciamo un salto indietro di qualche giorno. La scorsa settimana, popolari app di terze parti come quelle sopra citate che consentono di accedere a Twitter e funzionano anche meglio di quella originale, hanno smesso improvvisamente di funzionare.

La società guidata da Elon Musk ha evitato di commentare, e utenti e sviluppatori si sono trovati improvvisamente in una sorta di limbo, senza sapere cosa stesse succedendo. 

Alla fine, dopo qualche giorno in cui si sono rincorse speculazioni di tutti i generi e un rapporto di The Information che citava comunicazioni interne per mostrare come il blocco fosse intenzionale, Twitter ha pubblicato un Tweet in cui citava regole di API non esistenti per giustificare l'azione. Testualmente, stava applicando le sue regole API di lunga data  e questo potrebbe comportare il mancato funzionamento di alcune app.

Gli sviluppatori e la comunità sono insorti, anche perché non c'è stata nessuna spiegazione su quali regole fossero state effettivamente violate

Detto, fatto. Senza avvisare nessuno, Twitter ha cambiato il Developer Agreement, le regole per l'utilizzo delle sue API da parte degli sviluppatori, aggiungendo una riga:

Non utilizzerai o tenterai di (e non consentirai ad altri di) di utilizzare o accedere ai Materiali concessi in licenza per creare o tentare di creare un servizio o un prodotto sostitutivo o simile alle Applicazioni Twitter

Quindi le app di terze parti, che offrono un servizio simile a quello dell'app di Twitter, non sono in regola.

Tutto chiaro, no? In pratica, Twitter ha colpito sviluppatori e utenti, se consideriamo che queste app hanno anche qualche milione di download. 

Cosa succederà ora? All'inizio abbiamo detto come questo fatto fosse indicativo di quello che sta succedendo nel quartiere generale di Twitter. La confusione. Elon Musk ha preso le redini dell'azienda, ma la sua idea appannata si sta scontrando con la realtà, e sono stati frequenti i cambi di direzione (come la regola contro i link verso altre piattaforme concorrenti).

Nulla è ancora perduto, quindi, e la speranza è che facendo abbastanza rumore, nottetempo la nuova regola venga cancellata da qualche "manina" debitamente istruita. 

O forse è seriamente il caso di pensare a qualche alternativa

Gruppo Facebook

Community SmartWorld +15k
Confrontati con altri appassionati di tecnologia nel gruppo segreto
Entra