Apple sta lavorando ad un nuovo dispositivo: indizi nella beta di iOS 16.4

Vito Laminafra
Vito Laminafra
Apple sta lavorando ad un nuovo dispositivo: indizi nella beta di iOS 16.4

Da pochissimi giorni, è disponibile la prima beta per sviluppatori di iOS 16.4. La nuova versione del sistema operativo porterà con sé diverse novità, tra cui ben 31 emoji e le notifiche per le web app, e scavando nel codice sono stati trovati dei riferimenti ad un misterioso dispositivo hardware di Apple.

Offerte Amazon

In particolare, dando un sguardo all'interno della disk image della beta di iOS 16.4, rilasciata in contemporanea alla versione beta dell'IDE Xcode 14.3 per lo sviluppo di app iOS, sono stati trovati dei riferimenti a ComputeModule, un dispositivo hardware di cui non si conosce praticamente nulla.

Secondo 9to5Mac, ComputeModule sarà sicuramente un prodotto fisico che eseguirà una versione pesantemente modificata di iOS e inoltre Apple sta lavorando a due differenti versioni, chiamate semplicemente ComputeModule13.1 e ComputeModule13.3.

ComputeModule potrebbe essere appunto un "modulo" per il prossimo Mac Pro: Apple infatti rilascerà nel 2023 un aggiornamento hardware (ergo, arriveranno i chip Apple Silicon) per il suo computer top di gamma che, come ben sappiamo, può essere aggiornato con dei moduli aggiuntivi per la scheda grafica, SSD o altro ancora.

ComputeModule potrebbe dunque rappresentare una sorta di scheda d'espansione per il Mac Pro.

La seconda ipotesi riguarda invece il tanto vociferato visore in realtà mista di Apple: ComputeModule potrebbe essere una specie di "processore esterno" da collegare al visore per avere più potenza durante un utilizzo più impegnativo. ComputeModule potrebbe anche essere un dispositivo per il testing degli iPhone, utilizzato dai centri autorizzati per effettuare appunto delle prove sugli smartphone dei clienti.

Ovviamente, queste sono semplicemente ipotesi: nei prossimi mesi ne sapremo sicuramente di più.

Il canale degli sconti tech +50k
Tutti i migliori sconti e coupon per la tecnologia
Seguici