iOS 17 rivoluziona AirDrop: funziona anche a distanza

iOS 17 è stato presentato al WWDC qualche giorno fa: la nuova versione del sistema operativo di Apple arriverà a settembre, insieme ad iPhone 15, ma nel frattempo tutti possono provarla grazie alla prima developer beta (ecco come installarla).

Tra le varie funzioni che verranno introdotte dal nuovo update, ci sono importanti novità per AirDrop: una delle funzioni più amate dagli utenti iPhone, potrebbe diventare ancora più utile e comoda da utilizzare.

Vediamo quindi quali sono le tre novità principali che riguardano iPhone, che ne semplificheranno l'utilizzo e amplieranno le possibilità.

NameDrop è una nuova funzione di AirDrop, che va a integrarsi con un'altra funzione di iOS 17, chiamata Contact Posters. Il Contact Poster è una scheda personale che ogni utente può creare, che contiene tutte le informazioni di contatto: numeri di telefono, indirizzi email, foto e così via, il tutto con una certa attenzione all'estetica.

Inoltre, il Contact Poster (con foto e nome) è quel che apparirà quando chiameremo un altro utente con iPhone. 

NameDrop è la funzione che ci permetterà di scambiare rapidamente i Contact Poster: per scambiare il proprio contatto (con tanto di foto e informazioni utili) ad una persona appena conosciuta, basterà avvicinare i due iPhone, come si vede nella GIF qui sopra.

Condivisione semplificata

iOS 17 semplifica la condivisione via AirDrop: lo stesso gesto che si vede nella GIF relativa a NameDrop qui sopra, servirà anche per scambiarsi foto o altri contenuti via AirDrop, nonché per avviare una sessione di musica o film condivisi via SharePlay.

Insomma, ogni volta che vorremo condividere qualcosa con un altro utente con iPhone, tutto quel che dovremo fare sarà aprire l'elemento che vogliamo condividere e avvicinare i due iPhone.

Condivisione anche a distanza

Questa novità non è ancora disponibile nella developer beta e arriverà nella seconda metà dell'anno, ma si tratta probabilmente del più importante cambiamento di AirDrop, poiché implica un cambiamento strutturale di questa funzione.

Con iOS 17, infatti, sarà possibile continuare a inviare un file via AirDrop anche allontanandosi molto dall'altra persona, continuando il trasferimento via internet.

Si tratta di un cambiamento radicale per AirDrop, che fino a oggi si era sempre basato su un trasferimento tramite rete locale: questa nuova funzione, invece, implica che il file che vogliamo condividere verrà caricato temporaneamente sul cloud, per poi essere scaricato sul telefono dell'altra persona.

Il tutto, però, avverrà in mono fluido e trasparente per l'utente, che potrà continuare ad usare AirDrop come ha sempre fatto, ma senza preoccuparsi troppo se vuole condividere un file pesante, come ad esempio un video.

Mostra i commenti