iPhone 14 solo con eSIM? Apple ci sta pensando sul serio

iPhone 14 solo con eSIM? Apple ci sta pensando sul serio
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Negli ultimi anni abbiamo assistito all'ascesa delle eSIM: si tratta di SIM virtuali che possono essere dunque attivate o spostate da uno smartphone all'altro semplicemente inquadrando un codice QR. SIM del genere sono poi utilizzate anche dagli smartwatch (Apple Watch su tutti), visto che permettono anche a questi piccoli dispositivi di collegarsi alla rete 4G.

Offerte Amazon

Apple è stata una delle prime aziende a supportare tale tecnologia sui propri smartphone: iPhone XS e XR sono stati infatti i primi telefoni della Mela a permettere di utilizzare una SIM virtuale in aggiunta a quella fisica. Dopo qualche anno, possiamo affermare che le eSIM sono sempre più popolari, al punto che Apple potrebbe essere intenzionata a lanciare una variante di iPhone 14 senza carrellino per la SIM, e dunque utilizzabile solo con SIM virtuali.

Un report del WSJ mostra come l'adozione delle eSIM sia sempre maggiore in praticamente tutto il mondo, soprattutto in Europa e Asia, visto che gli utenti di tali zone sono più inclini a cambiare operatore per avere condizioni migliori rispetto a quelli statunitensi. Nonostante ciò, anche il mercato americano si sta preparando alle eSIM, dato che i maggiori operatori sono già al lavoro per permettere ai propri clienti di utilizzare SIM virtuali.

Già all'inizio dell'anno, l'analista di GlobalData Emma Mohr-McClune ha dichiarato che "un iPhone solo eSIM è sempre stato una questione di 'quando', non di 'se'". Apple dunque potrebbe davvero rilasciare una variante di iPhone 14 compatibile solo con eSIM, magari pensata solo per determinati mercati: al momento si tratta comunque di supposizioni, nonostante un iPhone "solo eSIM" sarebbe perfetto per iniziare a lavorare all'iPhone senza porte di cui tanto si è discusso negli scorsi mesi.

Il punto sull'iPhone senza porte

Non è un segreto il fatto che Apple voglia lanciare, prima o poi, un iPhone senza porte, che faccia affidamento sulla ricarica wireless e su tecnologie come AirDrop per trasferire dati tra dispositivi. Al momento però è praticamente impossibile immaginare uno smartphone del genere nel breve periodo e probabilmente bisognerà attendere ancora qualche anno per un iPhone senza alcuna porta.

Ne ha parlato, qualche mese fa, anche l'analista Ming-Chi Kuo: troppi problemi tecnici da risolvere in un periodo di tempo brevissimo, l'immaturità dell'ecosistema MagSafe e la carenza di componenti legati alla tecnologia wireless rendono al momento difficile realizzare un iPhone senza porte. Per adesso, accontentiamoci della porta USB C in arrivo nel 2023.

Mostra i commenti