Avvistato un Nest Hub con sistema “Fuchsia 1.0″(foto)

Enrico Gargiulo

Sono passati anni dalla prima volta nella quale abbiamo sentito parlare di Fuchsia, un ambiente unico di Google in fase di sviluppo, capace anche di far girare sia applicazioni per Linux che per Android. Il progetto, che inizialmente sembrava non destinato a vedere la luce, si sta recentemente avvicinando alla realizzazione.

Fuchsia è stato rinvenuto a bordo di un Google Hub, poi ufficialmente presentato come Nest Hub, il primo, non il secondo di più recente produzione, che vi abbiamo recensito qui. Anziché montare il sistema Cast, come gli altri smart speaker e smart display di Google, questo modello è equipaggiato con Fuchsia 1.0 che, più che una prima build stabile, ci fa pensare possa essere un M1 (Milestone1), un’evoluzione importante, ma di certo lontana da un qualcosa di pronto per il mercato.

LEGGI ANCHE: Google sta pensando a un altro sistema operativo oltre a Fuchsia

Perdete ogni speranza, qualora questa notizia vi portasse a sperare di poter vedere questo sistema girare sui vostri Nest Hub: Google li ha protetti in modo da non rendere possibile l’utilizzo di un diverso sistema operativo rispetto a quello certificato e pertanto sarebbe cosa possibile solo se fosse Google a rilasciarlo ufficialmente. Resta il fatto, però, che la società stia continuando a portare Fuchsia sui suoi diversi dispositivi (era già stato avvistato su Pixelbook): chissà che non ci sorprenda con un insperato quanto inatteso lancio.

Via: 9to5Google
  • Okazuma

    Che stiano davvero pensando ad un nuovo OS, scalabile e completo?
    Android ormai è diventato un mutante tentacolare informe che non sempre funziona a dovere.

    • R173

      Il problema è la frammentazione e la facile obsolescenza programmata. Ci vuole un sistema come Windows e iOS dove gli aggiornamenti sono gli stessi per tutti i dispositivi