HomePod Mini viene fatto a pezzi da iFixit (foto)

Enrico Gargiulo

Stanchi di aspettare l’evento che Apple pareva stesse pianificando per l’ormai trascorso 23 marzo, i colleghi di iFixit hanno deciso d’ingannare il tempo facendo ciò in cui riescono meglio: stavolta la vittima dello smontaggio (o teardown) è stata HomePod Mini.

Dalla descrizione del processo, che potrete leggere cliccando qui, veniamo a sapere che l’operazione sia stata più semplice del previsto: a differenza del modello grande di HomePod, ormai fuori produzione, ma tenuto insieme in buona parte tramite della colla, il Mini è fissato tramite otto viti Torx che, sebbene coperte da tappetti di gomma, risultano assai più pratiche da rimuovere.

Il tessuto è relativamente semplice da rimuovere e, nel caso ne abbiate necessità, sostituire. Al centro della parte superiore della piccola logic board, vi sono 19 LED RGB, artefici della danza di luci a cui assistiamo mentre Siri è in ascolto, un piccolo sensore di luminosità e dei driver LED di Texas Instruments.

Continuando troviamo il chip S5, circuiti integrati di gestione dell’alimentazione e quattro condensatori, oltre al sensore di temperatura e umidità di cui vi abbiamo parlato qui, a microfoni e a speaker che garantiscono una diffusione dell’audio a 360°. Insomma: per 99 dollari, c’è davvero tutto ciò che un amante di Apple Homekit possa desiderare per cominciare la sua avventura domotica. Peccato solo che non sia previsto il suo arrivo in Italia.