Tado° introduce il sensore di temperatura e il servizio che ti “ripara” la caldaia

Emanuele Cisotti

Durante l’evento dedicato alla domotica che si è tenuto a Berlino durante IFA 2020, l’azienda tedesca Tado° ha lanciato due nuovi prodotti che vanno ad ampliare il suo pacchetto di gestione del calore nei mesi invernali. Dopo il termostato smart e le valvole termostatiche, ora arriva anche il termostato wireless e il sensore di temperatura.

Il primo risulta particolarmente comodo per chi vorrà posizionare il proprio termostato in posizioni diverse da quelle dove originariamente era stato pensato nelle propria casa o, in fase di ristrutturazione, di evitare i portare i fili per il termostato da una parte all’altra della casa. Questo sarà possibile installando una base fisica (e cablata) al termostato, ma posizionando poi il nuovo termostato wireless a piacimento in un’altra posizione della casa. Non abbiamo dettagli ma pensiamo che sarà possibile anche scegliere di tararlo sulla temperatura di uno dei due dispositivi.

L’altra novità farà felice i possessori delle valvole termostatiche Tado°. Si tratta infatti del sensore di temperatura che potrà essere abbinato a una o più valvole termostatiche. In questo modo la regolazione della temperatura verrà fatta in un punto “rilevante” dalla stanza o della casa e non più vicino al calorifero stesso, dove ovviamente la temperatura sarà necessariamente più alta. Un grattacapo che chiunque ha avuto a che fare con una valvola smart (o anche no) ha dovuto scontrarsi.

Il nuovo Termostato Intelligente Wireless V3+ – kit di base sarà disponibile a 229,99€ (e si affianca a quello classico da 199,99€), mentre il Sensore di Temperatura Wireless avrà un costo di 79,99€.

Oltre a queste due novità Tado° lancia poi anche un terzo servizio all’interno del suo pacchetto Auto-Assist: dopo la funzione di geolocalizzazione e il sensore di finestre aperte adesso abbiamo anche la funzionalità Care & Protect che aiuterà i possessori di caldaia termosingola. Il servizio infatti è nato dopo anni di studio dei comportamenti delle caldaie degli utenti Tado°. L’azienda ha riscontrato che nel 60% dei casi la riparazione (spesso costosa e non sempre tempestiva) della propria caldaia può essere eseguita in autonomia da parte degli utenti. Il software imparerà a conoscere il vostro impianto e vi segnalerà rapidamente eventuali anomalie tramite una notifica, indicandovi se è un’operazione che potete svolgere in autonomia, per esempio  se la caldaia necessita di un riavvio o se i caloriferi devono essere spurgati per far uscire l’aria.

Quando il software avvia la guida all’auto-riparazione, vengono richieste maggiori informazioni sulla configurazione del riscaldamento per determinare il problema corrente in modo più preciso e per offrire la soluzione migliore per risolverlo. L’applicazione fornirà anche i contatti degli specialisti nel caso non ci si senta a proprio agio ad intervenire o se non se ne conosce uno di fiducia.

Care & Protect può anche prevenire i guasti alla caldaia, anticipandoli con una notifica, quando dovesse notare un’anomalia nel funzionamento dell’impianto, che però ancora sembra funzionare correttamente. Nel caso di una caldaia digitale può anche dialogare con quest’ultima avendo quindi indicazioni ancora più precise e puntuali sui problemi in atto. Questa funzione sarà disponibile da ottobre per tutti gli utenti Tado° Auto-Assist, che ricordiamo ha un costo di  mensile di €2,99 al mese o €24,99 all’anno e può essere annullato in qualsiasi momento.