Cos'è e a cosa serve un canale WhatsApp

Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Cos'è e a cosa serve un canale WhatsApp

Una delle maggiori novità del 2023 da parte di WhatsApp è stata l'introduzione dei canali, annunciato come un modo privato per gli utenti di ricevere aggiornamenti su argomenti di loro interesse, direttamente nell'app di messaggistica

Ma esattamente cos'è e a cosa serve un canale WhatsApp? Andiamo a scoprirlo, oltre a capire come crearli e vederli, anche nel caso di WhatsApp Business. 

Dopo aver letto la nostra guida saprete insomma tutto quello che c'è da sapere sul mondo dei canali WhatsApp, e visto che siamo in tema non dimenticate di seguirci anche sul nostro canale, dove ogni giorno troverete le notizie più ghiotte e le curiosità dal mondo della tecnologia, sempre con notifiche disattivabili a piacimento e ovviamente del tutto gratis.

Indice

Cos'è un canale WhatsApp

Come i canali di Telegram e i broadcast channel di Instagram, i canali di WhatsApp sono un modo per aggiornare i propri follower o clienti delle ultime novità, in maniera diretta ed estremamente semplice.

Mantenere un contatto diretto con i propri iscritti è infatti estremamente importante per creatori e attività, ed è per questo che l'introduzione dei canali di WhatsApp è stata vista da molti come un'importante opportunità per aumentare la propria visibilità e presenza sul Web.

Ma cosa sono esattamente i canali di WhatsApp? 

Secondo Meta, i canali di WhatsApp sono "un modo privato di seguire gli argomenti che ti interessano", quindi uno strumento per le persone di ricevere aggiornamenti importanti, proprio all'interno di WhatsApp.

A differenza dei gruppi e delle Community, dove si può interagire con gli altri, un canale è una soluzione di trasmissione unidirezionale in cui solo l'amministratore può inviare un messaggio. 

Questo da un lato consente agli utenti di essere informati degli argomenti che più interessa loro, ma con una maggiore verso la privacy in quanto gli altri partecipanti non li vedranno.

Cos'è e a cosa serve un canale WhatsApp

Quando si utilizzano i canali, infatti, le persone che visualizzano un canale, anche gli altri iscritti, non possono vedere chi altro è iscritto, e le vostre informazioni del profilo (nome, numero di telefono e immagine di profilo) e interazioni con i contenuti del canale (che possono avvenire esclusivamente tramite emoji e voti ai sondaggi) non sono visibili.

Solo gli amministratori del canale possono vedere la vostra immagine del profilo accanto alle reazioni o ai voti dei sondaggi, a seconda delle impostazioni sulla privacy, ma non possono vedere il vostro numero di telefono completo o il nome del profilo a meno che non vi abbiano salvato tra i contatti.

Un canale si può trovare sia da link esterno che tramite condivisione in-app o navigazione, e l'iscrizione non è automatica, in quanto potete vedere un canale senza iscrivervi. Inoltre potete in caso annullare l'iscrizione in qualsiasi momento, e per impostazione predefinita le notifiche sono disattivate. Il che significa che per ricevere le notifiche di nuovi aggiornamenti, dovete farlo per ciascun canale a cui siete iscritti.

Come abbiamo già spiegato, i canali sono uno strumento di comunicazione unidirezionale, quindi gli utenti non possono replicare ai messaggi, ma possono solo inserire reazioni con emoji o votare ai sondaggi.

Interessante è anche la posizione dei canali all'interno di WhatsApp. Pur avendo una struttura simile alle chat, in quanto si presentano come messaggi con la possibilità di integrare immagini, video o sondaggi, sono inseriti in una scheda separata chiamata Aggiornamenti, dove trovate anche gli aggiornamenti di stato dei vostri contatti.

Per quanto riguarda proprietari e amministratori dei canali, è importante notare che creando un canale si possono condividere aggiornamenti e informazioni sotto forma di testo, immagini, video, sticker, link, audio e sondaggi. WhatsApp però non crede che gli aggiornamenti debbano durare per sempre, e per questo la cronologia dei canali resterà sui server per un massimo di 30 giorni.

Inoltre gli iscritti e i visitatori non possono vedere nome, immagine di profilo e numero di telefono di proprietario e amministratori, il che garantisce un elevato livello di privacy, ma tra amministratori queste informazioni saranno visibili. 

Quindi riassumendo se le normali chat di WhatsApp coinvolgono solo due persone, i gruppi consentono di interagire con molte persone contemporaneamente e le community non sono altro che una raccolta di gruppi WhatsApp correlati, i canali sono uno strumento diverso perché consentono una comunicazione esclusivamente dall'amministratore verso gli utenti.

C'è un'altra considerazione da fare: i canali di WhatsApp sono aperti a tutti e non sono crittografati end-to-end, quindi a differenza di chat e gruppi chiunque può leggerne i contenuti.

A cosa serve un canale WhatsApp

Ma a cosa serve un canale di WhatsApp e qual è il vantaggio di una comunicazione unidirezionale? Fondamentalmente, questo nuovo modo di comunicare è in grado di raggiungere un pubblico più ampio e coinvolto in quanto follower e clienti possono benissimo non conoscersi tra loro e visualizzare i vostri aggiornamenti senza sapere dell'esistenza uno dell'altro.

Gli unici elementi visibili quando interagiscono infatti sono esclusivamente emoji, oltre che voti ai sondaggi, senza mostrare immagini di profilo, nomi né tanto meno numeri di telefono. 

Quindi un'azienda può inviare i propri aggiornamenti ai clienti, un creatore comunicare con i propri follower o un sito inviare notizie e novità ai propri lettori. Il tutto in maniera semplice e veloce, proprio come si potrebbe fare attraverso una chat di WhatsApp.  

Le aziende possono creare e gestire più canali di trasmissione per diversi casi d'uso, come il marketing, le vendite e il supporto, e vista l'enorme diffusione di WhatsApp i canali possono contribuire a costruire comunità, condividere annunci importanti e inviare aggiornamenti sui prodotti e offerte speciali.

Non è infatti un caso se in appena due mesi dal lancio i canali di WhatsApp abbiano raggiunto i 500 milioni di utenti attivi mensili, quindi integrare questo strumento tra i canali di comunicazione consente di migliorare la connessione con i propri utenti.

Alcuni strumenti dei canali poi sono particolarmente utili per sviluppare la vostra presenza sul Web. Tra questi le varie possibilità da parte degli utenti di trovare il canale (tramite link, ricerca o condivisione in-app), mentre per quanto riguarda gli aggiornamenti avete diverse funzioni.

Prima di tutto potete reagire alle reazioni degli utenti in maniera privata tramite emoji, e inoltre potete modificare gli aggiornamenti (fino a un massimo di 30 giorni prima, in quanto poi sono eliminati).

Altri strumenti sono l'inoltro, per condividere gli aggiornamenti con chat o gruppi, e gli strumenti di privacy, che consentono di mantenere sempre privati i dati degli utenti.

Cosa sono i canali WhatsApp Business

I canali di WhatsApp sono aperti a tutti, ma vista la loro attenzione alla privacy e il fatto di essere uno strumento di comunicazione unidirezionale, sono particolarmente indicati per le aziende e quindi gli account WhatsApp Business.

In questo contesto lo strumento presenta le stesse caratteristiche dei canali di WhatsApp, le uniche differenze riguardano l'app da cui crearli e gestirli, che ovviamente deve essere WhatsApp Business, e alcuni termini di utilizzo, che WhatsApp ha ampliato specificamente per questo strumento.

In caso non sappiate cosa sia WhatsApp Business, è una soluzione dedicata alle aziende per comunicare con i clienti da un singolo dispositivo tramite l'app omonima scaricabile gratuitamente per Android e iOS. Per quanto riguarda invece i termini di servizio, WhatsApp ha implementato termini di servizio supplementari per i canali di WhatsApp Business.

Tali termini specificano che il canale non possa essere utilizzato per una serie di attività, che comprendono attività illegali, attività che potrebbero causare gravi danni alle persone, attività non adatte all'età della base utenti di WhatsApp, e attività fraudolente.

I termini supplementari, che potete trovare a questo indirizzo, integrano i Termini (qui potete trovare la pagina relativa sul sito di WhatsApp) ed entrano in vigore il giorno in cui l'utente si iscrive, se questo avviene il 16 febbraio 2024 o un giorno successivo, oppure l'11 aprile 2024, se l'utente si  è iscritto a WhatsApp Business prima del 16 febbraio 2024.

In caso di segnalazioni da parte degli utenti e il riscontro di violazioni dei termini, WhatsApp specifica che può prendere le misure appropriate, che possono arrivare fino alla limitazione dell'accesso ai canali o alla rimozione o sospensione degli account.

Detto questo, i canali di WhatsApp Business sono sì un modo efficace per migliorare la visibilità dell'azienda, ma presentano anche alcune limitazioni, come l'impossibilità di effettuare targeting o personalizzazioni, in quanto potete inviare solo lo stesso messaggio a tutti senza segmentazione dei destinatari.

Inoltre visto che per impostazione predefinita i canali WhatsApp hanno le notifiche push disattivate, gli utenti, anche iscritti, non riceveranno notifiche sui vostri aggiornamenti a meno che non vadano a controllare manualmente sul canale (o attivino in modo proattivo le notifiche).

Questo strumento non offre poi la possibilità di interazione, il che potrebbe essere limitante in alcuni casi, ed essendo visibili a tutti non presentano la crittografia end-to-end, il che potrebbe essere un problema per alcuni utilizzi.

Infine, i canali verificati presentano una spunta verde, mentre al momento WhatsApp sta lavorando alla possibilità di estendere agli utenti WhatsApp Business verificati (ecco come ottenere la verifica per il vostro account Business) la possibilità che tutti i canali da loro creati lo diventino, il tutto attraverso la sottoscrizione a Meta Verified. A quanto pare, la spunta potrebbe in questo caso diventare blu, come lo è per le altre app di Meta. 

I canali WhatsApp sono gratis?

I canali WhatsApp sono quindi uno strumento estremamente interessante per promuoversi sul Web, con poca fatica e con la possibilità di raggiungere un pubblico potenzialmente enorme.

E la notizia migliore? Che sono gratuiti! Quindi chiunque può creare e accedere ai canali senza dover pagare niente, il che la rende una funzione irrinunciabile per ampliare i propri follower o comunque farsi conoscere. 

Detto questo, è possibile che in futuro WhatsApp darà la possibilità di accedere alla verifica dell'account (la spunta) attraverso Meta Verified, il sistema di verifica a pagamento di un account (al momento solo Instagram e Facebook, qui potete vedere come funziona).

Con questo sistema, gli account Business verificati potranno ottenere la verifica di tutti i canali da loro creati, ma al momento si tratta ancora di supposizioni basate su una funzione in via di sviluppo che non è stata ancora annunciata. 

Come iscriversi (e disiscriversi) ai canali WhatsApp

Se volete sapere come vedere un canale WhatsApp, sappiate che potete farlo sia da app per dispositivi mobili che da WhatsApp Web. Abbiamo realizzato un'intera guida su questo tema, di seguito andremo quindi per sommi capi: se non bastasse, leggetela!

Da telefono, avviate l'app e toccate Aggiornamenti in basso a sinistra, poi scorrete verso il basso e sotto i Canali vedrete i canali consigliati. 

Per cercare un canale specifico, toccate il "+" di fianco alla scritta Canali e toccate Trova canali nel menu che si viene ad aprire. Se è la prima volta che usate lo strumento, si aprirà una pagina con l'informativa riguardante l'utilizzo dei canali WhatsApp. Toccate il pulsante Accetta e continua.

In questa pagina potete scorrere tra i suggerimenti o toccare uno dei filtri già impostati, tra Esplora, Più attivi, Popolari, Nuovi e Italia (o potete cambiare Paese agendo sul menu a tendina).

In alto c'è un campo di ricerca e potete inserire il nome di un canale corrispondente, per trovarlo in maniera ancora più rapida.  In alternativa, potete arrivare a un canale attraverso un link diretto o tramite l'app WhatsApp, che consente la condivisione in-app.

Si possono vedere i canali come ospiti senza la necessità di iscriversi, ma se volete farlo potete toccare il pulsante Iscriviti presente nel riquadro del canale oppure dall'elenco dei canali toccate il pulsante "+" alla sua destra.

Cos'è e a cosa serve un canale WhatsApp

Iscriversi ai canali non è né obbligatorio né automatico, e in caso l'abbiate fatto potete annullare l'iscrizione in qualsiasi momento toccando il segno di spunta nell'elenco, per poi toccare Annulla iscrizione, o, all'interno del canale, l'icona con tre puntini in alto a destra e poi selezionando Annulla iscrizione canale.

In ogni caso, se volete iscrivervi a più canali dovrete farlo separatamente per tutti.

Da WhatsApp Web, potete vedere i canali andando a questo indirizzo (in caso vi serva un promemoria, potete consultare la nostra guida dedicata su come accedere a WhatsApp Web) e toccando l'icona dei canali (la terza in alto dalla sinistra, un fumetto con all'interno quello che sembra il simbolo della radio).

Qui potete selezionare i canali proposti o toccate il "+" a destra di Canali e selezionate Trova canale, poi utilizzate l'elenco dei canali che appare o per iscrivervi direttamente toccando il "+" a destra del nome, o utilizzando i filtri in alto. In alternativa, toccate il nome del canale per vederne i contenuti e toccate il pulsante Iscriviti in alto.

Cos'è e a cosa serve un canale WhatsApp

Allo stesso modo per annullare l'iscrizione cliccate sul segno di spunta dall'elenco, per poi cliccare su Annulla iscrizione, o dall'interno del canale cliccate sui tre puntini in alto a destra e poi selezionate Annulla iscrizione.

Altri modi per trovare i canali sono attraverso link diretti condivisi da qualcuno, come il link al nostro canale, o tramite condivisione in app, mentre i canali non sono ancora disponibili dalle app desktop di WhatsApp. 

Come creare i canali WhatsApp

Se invece volete sapere come creare i canali WhatsApp, vi rimandiamo alla nostra guida dedicata, ma vediamo comunque brevemente come fare. 

Da app per dispositivi mobili, toccate Aggiornamenti in basso a sinistra, selezionate il "+" a destra di Canali in basso e toccate Crea canale. Successivamente leggete la finestra introduttiva, toccate Continua e date un nome al canale, per poi inserire una descrizione e aggiungere una foto per il profilo del canale stesso. 

Questo sarà l'immagine e il nome del profilo che vedranno gli utenti, in quanto le immagini di profilo e i nomi degli amministratori non sono visibili, infine cliccate in basso su Crea canale.

Cos'è e a cosa serve un canale WhatsApp

Da WhatsApp Web (da app desktop non si possono creare canali, così come non si possono vedere) la procedura è simile.

Andate a questo indirizzo (in caso vi serva un promemoria, potete consultare la nostra guida dedicata su come accedere a WhatsApp Web), poi cliccate in alto sull'icona dei canali, quella a forma di fumetto con una specie di antenna radio al centro (la terza da destra).

Si aprirà una scheda da sinistra con la scritta Canali, cliccate sul "+" e selezionate Crea canale. Inserite un nome e una descrizione per il canale, aggiungete un'immagine e cliccate su Crea canale

Come aggiungere amministratori ai canali WhatsApp

Una delle caratteristiche dei canali di WhatsApp è la possibilità per il titolare del canale di aggiungere fino a 16 amministratori, in modo da aiutarlo a gestire il canale e renderlo più produttivo. 

Gli amministratori del canale possono cambiare le informazioni e impostazioni del canale, cambiare il nome del canale, la descrizione e le impostazioni del canale, e decidere quali tipi di emoji sono consentiti per le reazioni.

Inoltre possono creare gli aggiornamenti senza la necessità di approvazione da parte del proprietario, mentre per quanto riguarda le modifica e l'eliminazione degli aggiornamenti del canale, creati da loro stessi, da altri amministratori o dal proprietario del canale,  è possibile fino a 30 giorni dopo l'invio.

Per approfondire meglio come aggiungere gli amministratori a un canale WhatsApp vi rimandiamo al nostro articolo dedicato.

Domande e risposte

Se volete creare un canale WhatsApp, avviate l'app, toccate in basso a sinistra Aggiornamenti, toccate il "+" a destra di Canali e selezionate Crea canale.  Leggete l'informativa, date un nome e una descrizione al canale, aggiungete una foto e toccate Crea canale.
Se volete attivare un canale WhatsApp, avviate l'app e toccate in basso a sinistra Aggiornamenti. Poi toccate il "+" a destra di Canali e selezionate Crea canale. Nella pagina seguente leggete l'informativa, date un nome e una descrizione al canale, aggiungete una foto e toccate Crea canale.  
Trova canali di WhatsApp vi permette di andare alla sezione di ricerca dei canali, dove potete scegliere i canali consigliati, quelli più attivi, i più popolari, i più recenti e quelli di altri Paesi. Da qui potete anche utilizzare la barra di ricerca per cercare uno specifico canale.

Tips, tricks e news!
Tutto il meglio della tecnologia in video brevi!
Seguici