Come collegare una stampante wifi su Android

Per utilizzare la funzionalità di stampa dallo smartphone, è necessario prima installare un software dedicato sul proprio computer
SmartWorld team
SmartWorld team
Come collegare una stampante wifi su Android

Il tempo in cui la connessione cablata tramite cavo USB era indispensabile per collegare la stampante al proprio computer desktop, laptop o smartphone è sicuramente finito. Ora bastano una connessione Wi-Fi, uno smartphone e una stampante compatibile e il gioco è fatto. Bluetooth, NFC o Wi-Fi Direct possono essere utilizzati per stampare documenti presenti su diversi dispositivi mobili. Rispetto a quest'ultimo punto, dopo aver creato un punto di accesso Wi-Fi dal cellulare, tutto ciò che dobbiamo fare è accoppiare la stampante.

Stampare via Wi-Fi su Android tramite l’app del produttore

Per stampare via Wi-Fi su Android tramite l'app del produttore, è necessario verificare che la stampante abbia la tecnologia WiFi e che sia connessa alla stessa rete Wi-Fi dello smartphone Android. Inoltre, è necessario scaricare l'applicazione del produttore della stampante dal Play Store.

Generalmente, trovare l'applicazione corrispondente al produttore della stampante wireless non rappresenta una difficoltà se si tratta di marchi noti come Epson, Canon, HP o Lexmark. Questa soluzione rappresenta il metodo più semplice per stampare senza cavi.

Software da collegare per stampare dallo smartphone

Per utilizzare la funzionalità di stampa dallo smartphone, è necessario prima installare un software dedicato sul proprio computer. Tra le diverse soluzioni disponibili, segnaliamo PaperCut Mobility Print con cui creare un server di stampa. Tuttavia, per attivare la stampa a distanza, è fondamentale scaricare e installare l'applicazione corrispondente dallo store di Google per gli smartphone Android, o dallo store di Apple per gli iPhone. 

Nel caso in cui non si disponga di un computer con una stampante USB, è possibile utilizzare un'applicazione come NokoPrint per gestire la stampante USB di vari produttori, come Canon, Epson, HP, Samsung, Brother e Xerox, collegando lo smartphone alla stampante tramite un cavo USB. È necessario acquistare un adattatore USB OTG, lo stesso che si utilizza per collegare una chiave USB direttamente allo smartphone.

In ogni caso, lo smartphone deve essere compatibile con lo standard OTG, che può essere verificato tramite l'applicazione USB OTG checker disponibile sul Play Store.

Procedura per utilizzare PaperCut Mobility Print

Per stampare un documento dallo smartphone possiamo allora scaricare e installare l'app Mobility Print dallo store di Android o di iOS. In parallelo occorre però installare il software sul computer, che può essere utilizzato come server di stampa. Dopo aver creato un account con i dati, è possibile selezionare la stampante collegata al computer tramite l'app e attivare il cursore Publish per visualizzare la stampante da remoto. Possiamo proteggere la stampa remota utilizzando la stessa password dell'account.

Una volta creato il server di stampa sul computer, è necessario scaricare e installare l'app Mobility Print sullo smartphone e verificare che il servizio Mobility Print Service sia attivo. Per farlo, selezioniamo il servizio di stampa Mobility Print dal primo riquadro dell'app e verificare che le notifiche siano attivate e che sia stata approvata la richiesta di autenticazione.

Una volta completate le operazioni preliminari per stampare dallo smartphone, è necessario attivare l'opzione Usa Servizio di stampa e verificare che il nome della stampante remota sia presente. Successivamente, è possibile utilizzare l'app del dispositivo per aprire il documento e selezionare il comando di stampa. L'utente ha la possibilità di salvare il documento in formato PDF o di collegarsi alla stampante utilizzando un cavo con adattatore USB OTG di tipo USB-C o microUSB, se disponibile.

La soluzione Google Cloud Print

C'è un motivo in più per cui l'applicazione Google Cloud Print è interessante: per stampare i file non occorre connettere la stampante e lo smartphone alla stessa rete Wi-Fi, ma è indispensabile una connessione Internet per poter usufruire del servizio Google Cloud. La stampante deve essere quindi compatibile con la tecnologia Wi-Fi. Sul sito dell'applicazione è disponibile l'elenco deidiversi modelli di stampanti Wi-Fi multifunzione compatibili con il servizio nonché le relative istruzioni.

Infine, una volta sincronizzato l'account Google con il cellulare e la stampante, possiamo iniziare a stampare foto, documenti o altri file.

NFC per stampare dallo smartphone

La tecnologia NFC è una forma di connessione wireless disponibile su molti smartphone, che consente di scambiare informazioni con dispositivi compatibili presenti in un'area di prossimità. Per utilizzare la stampa tramite NFC, è necessario che la stampante disponga della stessa tecnologia. Ci sono due modi simili per utilizzarla: tramite il gestore NFC integrato nel cellulare o tramite l'applicazione dedicata del produttore della stampante.

L’alternativa del Bluetooth

L'ultima opzione disponibile per connettere lo smartphone alla stampante è l'utilizzo della tecnologia Bluetooth. Ma è necessario disporre di una stampante con funzionalità Bluetooth per poter procedere. Come per la connessione con un altoparlante, il funzionamento è analogo quando si desidera connettere uno smartphone ad una stampante. Una volta completata la connessione, l'operazione di stampa sarà simile a quella utilizzata per la connessione Wi-Fi.

Sarà necessario utilizzare l'applicazione del produttore della stampante, selezionare i file da stampare e l'applicazione si occuperà del resto, ovvero di trovare la stampante.

Altre guide su Android

Mostra i commenti