Come funziona OneDrive di Microsoft

OneDrive è un servizio di archiviazione cloud ricco di funzionalità: vediamo come usarlo, su PC Windows e Mac, oltre che su telefoni e tablet
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Come funziona OneDrive di Microsoft

Sicuramente ne avrete sentito parlare, e magari avete anche visto l'icona sul vostro PC, ma magari non avete mai pensato alle sue potenzialità.

Stiamo parlando di OneDrive, una piattaforma di archiviazione cloud creata da Microsoft, proprio come Google Drive, iCloud e Dropbx. Il servizio mette a disposizione dei suoi utenti 5 Giga di spazio gratuito aumentabili sottoscrivendo i piani Microsoft 365, ed è integrato in tutti i computer Windows.

Estremamente versatile e ricco di funzionalità, OneDrive può essere usato non solo per collaborare con altre persone (anche tramite la suite Office) e per condividere o trasferire file di grandi dimensioni, ma anche per effettuare il backup dei dati sul dispositivo. 

Vediamo quindi cos'è e come funziona OneDrive, oltre a scoprire come usarlo da Web o app per telefono, Android o iPhone, oppure desktop, che sia un PC Windows o un Mac.

Indice

Cos'è OneDrive

Come abbiamo anticipato nell'introduzione, OneDrive è un servizio di archiviazione su cloud.

In pratica è come un disco rigido da qualche parte raggiungibile tramite Internet, che vi consente quindi di effettuare un backup di un dispositivo e poter recuperare i vostri dati da qualunque dispositivo.

Non solo, ma OneDrive offre molte altre funzionalità fondamentali per uno strumento del genere, per collaborare con altri utenti o condividere file, foto o video. Il tutto gratuitamente, se vi accontentate di alcune limitazioni. 

Le caratteristiche di OneDrive sono:

  • Backup: tutti i file salvati in OneDrive sono nel cloud, quindi se perdete o danneggiate un dispositivo o comunque questo smette di funzionare, non perderete nulla
  • Sincronizzazione automatica: potete sincronizzare i documenti tra i vari dispositivi, quindi scattare una foto da un telefono e averla a disposizione sul computer, senza che dobbiate fare alcunché
  • Condivisione: potete condividere file, cartelle e foto con altri invece di inviare email o messaggi, oppure utilizzare un'unità USB. È possibile inviare un collegamento ai file tramite email o SMS.
  • Scansione di documenti: tramite l'app per dispositivi mobili, potete effettuare scansioni di documenti, ricevute, biglietti da visita e altri tipi di contenuti direttamente su OneDrive.
  • Vault personale: uno spazio sicuro in cui proteggere i file sensibili con un PIN, un'impronta digitale, il volto o un codice inviato tramite email o SMS.

Parlavamo di limitazioni per gli utenti gratuiti.

Per chi non sottoscrive un abbonamento Microsoft 365, la casa di Redmond mette a disposizione su OneDrive 5 GB di spazio, oltre a permettervi di caricare in Vault personale solo tre file. Altre limitazioni riguardano le possibilità di condivisione di file o cartelle, che non possono essere a tempo o protette da password. 

Potete però utilizzare le versioni Web e per dispositivi mobili degli strumenti Office, ovvero Word, Excel, PowerPoint, OneNote e Forms, che sono molto utili per collaborare a progetti con altre persone. 

Per chi vuole di più, ci sono i piani a pagamento. Con Microsoft Basic otterrete 100 GB di spazio al costo di 20 euro all'anno, oltre a ricevere anche Outlook, email e calendario per dispositivi mobili senza pubblicità, e la protezione da ransomware di OneDrive per file e foto.

Il livello successivo è Microsoft 365, che costa 69 euro l'anno e porta lo spazio a 1 TB, oltre ad aggiungere le app desktop, Web e per dispositivi mobili Premium di Word, Excel, PowerPoint, OneNote, Outlook e altre app, e la protezione avanzata di Microsoft Defender.

Infine, con Microsoft 365 Family da 99 euro l'anno lo spazio arriva, in condivisione con la famiglia per un massimo fino a 6 utenti, a 6 TB (massimo 1 TB per persona), ed è inclusa la funzionalità Family Safety.

Fino a qualche tempo fa si poteva aumentare lo spazio gratuitamente con il programma di invito. Invitando amici e parenti a iscriversi a OneDrive si potevano ricevere 500 MB di spazio per utente, fino a un massimo di 10 GB ma ora non è più presente il pulsante per creare il link di condivisione (e i link attivi non funzionano più).

Come iscriversi a OneDrive

L'iscrizione a OneDrive è estremamente semplice, e può essere effettuata sia da Web che da app (che aprirà una sessione Web). Per farlo, avviate un browser e andate a questo indirizzo, poi cliccate sul pulsante Accedi al centro della pagina, poi cliccate sul link fare clic qui per crearne uno.

 

Adesso potete scegliere se utilizzare il vostro indirizzo email, per esempio Gmail, o creare un nuovo indirizzo. Nel primo caso, inseritelo direttamente, mentre nel secondo dovete cliccare su Crea indirizzo e-mail. Poi scegliete il dominio, @outlook.it@outlook.com o @hotmail.com, e scrivete l'indirizzo.

Nel caso non sia disponibile, il sistema vi avviserà. 

Cliccate su Avanti e digitate una password da usare con l'account, poi scegliete se ricevere o meno informazioni sui prodotti Microsoft.

Cliccate su Avanti per accettare i termini di servizio e se avete usato un indirizzo di posta elettronica esistente riceverete un link per la conferma.

Cliccateci sopra dalla vostra app email per confermare di essere effettivamente gli intestatari dell'indirizzo.

Nelle pagine successive vi verrà chiesto di inserire il vostro nome, cognome e data di nascita, oltre al Paese e all'area geografica di appartenenza.

Completate il puzzle per dimostrare di non essere robot e scegliete se restare o meno connessi. In questo modo arriverete all'area riservata del vostro account Microsoft. 

Ora potete accedere a OneDrive usando l'account appena creato, con l'indirizzo email e la password che avete scelto. Prima di procedere, però, è consigliato inserire un indirizzo email secondario in modo da poter recuperare la password in caso la si scordi. Se non si dovesse compiere questa procedura, non sarà infatti possibile accedere all'account. 

Per farlo, dalla schermata dell'account Microsoft cliccate a sinistra su Sicurezza, poi cliccate su Opzioni di sicurezza avanzate. Confermate la password dell'account e nella finestra che appare scegliete se inserire come informazione di sicurezza un indirizzo email o un numero di telefono alternativi.

Inserite uno o l'altro nel campo apposito e cliccate su Avanti, poi inserite il codice di sicurezza ricevuto e cliccate su Avanti.

Visto che si tratta di un servizio di archiviazione su cui potreste potenzialmente caricare contenuti sensibili come file o foto, è inoltre consigliato attivare l'autenticazione a due fattori per proteggere maggiormente l'account. Per farlo, sempre dalla scheda Sicurezza sul sito Account Microsoft cliccate in alto a destra su Verifica in due passaggi

Ora potete scegliere un metodo di sicurezza come ricevere un codice via email o SMS, oppure, ed è la soluzione consigliata, usare l'accesso senza password tramite un'app di autenticazione come Microsoft Authenticator

In questo modo quando effettuerete l'accesso dovrete solo inserire l'email e poi il sistema mostrerà un numero da confermare tramite Authenticathor sul telefono, il cui accesso è protetto da PIN o autenticazione biometrica. Per impostarlo, cliccate in basso a sinistra su Account senza password e seguite i passaggi indicati (dovrete installare un'app di autenticazione sul telefono).

registrarsi a OneDrive

Come accedere a OneDrive

Una volta iscritti a OneDrive potete accedervi da Web o app per computer o telefono.

OneDrive supporta le maggiori piattaforme per effettuare il backup e la sincronizzazione dei contenuti, oltre alla condivisione degli stessi.

OneDrive Web

onedrive web

La comoda interfaccia Web può essere utilizzata per accedere ai propri documenti da qualunque dispositivo, oltre a condividere velocemente una foto o un file. Per non parlare della possibilità di utilizzare la suite Office per collaborare. 

Per accedere a OneDrive da Web, basta andare tramite browser sul sito ufficiale ed effettuate l'accesso con i dati che avete registrato seguendo le indicazioni nel capitolo precedente.

Adesso arriverete a una schermata con a sinistra un elenco di contenuti tra cui scegliere, come I miei fileRecenti, Foto, Condivisi e Cestino. Sotto, trovate la possibilità di sfogliare i file filtrando per le persone con cui li si è condivisi.  In basso a sinistra, trovate lo spazio di archiviazione disponibile, oltre a quello utilizzato.

Al centro della pagina, trovate i suggerimenti e sotto le cartelle o i file salvati sul cloud. Potete scegliere l'ordinamento e la vista, per elenco o icone.

Per accedere a OneDrive, potete anche usare l'apposita app per computer o telefono.

Windows

Su Windows 10 e 11, OneDrive è preinstallato e non è necessario scaricarlo e installarlo, mentre per Windows 7 e Windows 8 / 8.1 potete scaricarlo da qui.

Su Windows 10 e 11 troverete lo strumento, un'icona a forma di nuvola, nella barra delle applicazioni, cliccando sull'icona con la freccia verso l'alto. 

Cliccandoci sopra, potrete accedere allo strumento, se non l'avete ancora fatto.

Cliccate su Accedi e vi verrà chiesto di inserire i dati del vostro account, poi potete scegliere la posizione della cartella OneDrive sul computer.

Qui verranno scaricati tutti i file sincronizzati con il cloud: se vi va bene selezionate Usa questa cartella, altrimenti se volete cambiare cliccate su Cambia posizione.

Seguite la procedura e potete decidere se effettuare o meno il backup dei dati sul computer nelle cartelle Documenti, Immagini, Desktop, Musica e Video. Per impostazione predefinita sono attivati, ma potete decidere altrimenti agendo sull'interruttore a fianco delle singole cartelle. 

Ora potete scegliere se avviare il backup cliccando su Avvia il backup o cliccate su OK in caso non vogliate sincronizzare questi dati su OneDrive (magari perché non avete abbastanza spazio sul cloud, che ricordiamo per gli utenti gratuiti essere di 5 GB).

Seguite le istruzioni e a procedura di configurazione ultimata cliccate su Apri la mia cartella OneDrive.

Si aprirà una finestra di Esplora file nella cartella di OneDrive, con i file che saranno sincronizzati con il servizio cloud. 

Mac

Per installare l'app OneDrive su Mac potete seguire due strade: il Mac App Store o il download dal sito di Microsoft. La soluzione più semplice è utilizzare l'App store, apritelo e cercate OneDrive oppure cliccate su questo link e poi date il permesso ad aprire l'App Store (o in caso cliccate sul link Visualizza nel Mac App Store).

Cliccate su Ottieni, poi verificate la vostra identità inserendo ID Apple e password, se richiesto. Tenete presente che Microsoft fornisce aggiornamenti e consente nuove installazioni di OneDrive per le tre versioni principali più recenti di macOS di Apple (nel momento in cui scriviamo, Sonoma, Ventura e Monterey).

Se preferite installare l'app manualmente, scaricatela dal sito Microsoft a questo indirizzo. Cliccate su Scarica e poi cliccate due volte sul file nella cartella Download. Adesso spostate l'app nella cartella Applicazioni.

Ora per avviare OneDrive e iniziare la configurazione cliccate sul Finder (l'icona con la faccina nel Dock) e a sinistra cliccate su Applicazioni. Cliccate su OneDrive due volte per avviarla.

Quando richiesto, effettuate l'accesso con il vostro account inserendo le credenziali. 

Android

Per accedere a OneDrive su telefoni e tablet Android, dovete scaricarlo dal Play Store, ma dovete avere un telefono o un tablet con Android 6.0 o versione successiva.

Avviate il marketplace di Google cliccando sull'icona a forma di triangolo colorato e cercate in alto OneDrive, cliccando sul risultato corrispondente. Oppure cliccate direttamente su questo indirizzo.

Toccate Installa, poi avviate l'app toccando Avvia ed effettuate l'accesso inserendo le credenziali del vostro account. A questo punto vi troverete alla schermata principale dell'app

iPhone / iPadOS

Volete accedere a OneDrive iPhone o iPad? In questo caso tenete presente che i dispositivi devono essere aggiornati a iOS 16 / iPad OS 16 o versioni successive.

Dall'app versione 15.1.3, infatti, se si usa iOS 15 / iPadOS 15 o versioni precedenti, è possibile aggiornare solo l'app OneDrive, e non si possono fare nuove installazioni dell'app.

Soddisfatti questi requisiti, avviate l'App Store (l'icona azzurra con una "A" stilizzata bianca) e cercate in alto OneDrive, poi cliccate sul risultato corrispondente.

Potete anche seguire direttamente questo link alla pagina dell'App Store, confermando poi di voler aprire l'App Store dal browser. 

Adesso toccate Ottieni, confermate la vostra identità tramite PIN, Touch ID o Face ID e poi toccate Avvia una volta che l'app è stata installata.

Quando apparirà la schermata dell'app, effettuate l'accesso con il vostro account. 

Come usare OneDrive su computer e telefono

OneDrive consente di effettuare diverse operazioni, come il backup e la sincronizzazione dei dati, la condivisione dei documenti o la collaborazione. Ecco come usarlo.

Come usare OneDrive Web

condividere documento su OneDrive web

Dopo aver effettuato l'accesso a OneDrive Web come visto nel capitolo precedente, schermata con a sinistra un elenco di contenuti tra cui scegliere, come I miei fileRecenti, Foto, Condivisi e Cestino. Sotto, trovate la possibilità di sfogliare i file filtrando per le persone con cui li si è condivisi. 

In basso a sinistra, trovate lo spazio di archiviazione disponibile e utilizzato. 

Al centro della pagina, trovate i suggerimenti e sotto le cartelle o i file salvati sul cloud. Potete scegliere l'ordinamento e la vista, per elenco o icone.

Impostando la vista per Elenco, è più immediato accedere alle funzioni.

Per caricare un file, cliccate in alto a sinistra su +Aggiungi nuovo e scegliete se creare una cartella, caricare un file o una cartella, o creare un documento, che sia Word, Excel, PowerPoint, OneNote o un sondaggio di Forms. 

Con la vista per elenco, potete passare il mouse sugli elementi, ordinati in righe e vedrete apparire un'icona con tre puntini. Cliccateci sopra e potrete accedere a un menu. Qui potrete scegliere tra Condividi, Gestisci accesso, Elimina, Sposta, Copia, Scarica, Rinomina e altro.

Per condividere un documento o una cartella, cliccate sull'icona di condivisione, a destra dell'icona con tre puntini, o cliccate su Condividi dopo aver cliccato sull'icona con tre puntini. Ora potete decidere a chi inviare il collegamento al file o alla cartella, eventualmente inviando anche un messaggio, oppure di copiare il link al documento copiando direttamente il collegamento.

Cliccando su Chiunque abbia il collegamento può modificare, potete scegliere le opzioni di condivisione, eventualmente restringendo la possibilità di aprire il link solo a certi contatti, o se può solo visualizzare o anche modificare.

Qui, se avete un abbonamento Microsoft 365, potete anche impostare una data di scadenza per la condivisione, e una password per renderla più sicura. 

Se invece create un file Office, potrete accedere a uno strumento Web per creare un contenuto, che sia un testo, una tabella o una presentazione, come se usaste un'app desktop, pur con qualche limitazione nel caso della versione per utenti non paganti.

Come usare OneDrive su computer

icona Onedrive su windows e mac

Icona di OneDrive. A sinistra nella barra delle applicazioni di Windows. A destra, nella barra dei menu sul Mac

Che sia su PC Windows o Mac, il funzionamento di OneDrive è praticamente lo stesso. Le differenze sono nella posizione dell'icona OneDrive (una nuvoletta stilizzata). Su Windows la troverete nella barra delle applicazioni, in basso a destra, a sinistra dell'icona del Wi-Fi.

In caso non la vediate, cliccate sull'icona a forma di freccia verso l'alto, e la vedrete tra le icone nascoste. Per spostarla nella barra delle applicazioni, cliccate con il tasto destro del mouse sulla barra delle applicazioni, poi selezionate Impostazioni barra delle applicazioni. Nella finestra che si apre, cliccate su Altre icone della barra delle applicazioni e attivate l'interruttore di fianco a Microsoft OneDrive

Su Mac, troverete invece l'icona OneDrive in alto a destra, nella barra dei menu. 

All'avvio avrete potuto scegliere sia se attivare il backup di alcune cartelle (su Windows) e la posizione della cartella OneDrive.

La cartella OneDrive si può aprire in due modi. Dal Finder (Mac) o da Esplora file (Windows), cliccando a sinistra su OneDrive. Oppure cliccando sull'icona OneDrive nella barra dei menu (Mac) o nella barra delle applicazioni (Windows) e poi cliccare su Apri cartella in basso a sinistra.

Vediamo come modificare alcune impostazioni.

Per accedere alle impostazioni di OneDrive, dovrete cliccare sempre sull'icona OneDrive (nella barra dei menu, su Mac, o nella barra delle applicazioni, su Windows), selezionare l'icona a forma di ingranaggio in alto a destra e poi cliccare su Impostazioni. 

Come scegliere le cartelle sul cloud da scaricare sul computer

Se volete escludere dalla sincronizzazione con il computer alcune cartelle, in modo che restino solo sul cloud e non vengano scaricate sul computer, cliccate su Account. 

Ora cliccate su Scegli cartelle e potrete mettere la spunta alle cartelle che saranno disponibili sul PC. 

Come impostare il backup di alcune cartelle su OneDrive

Per impostare il backup di alcune cartelle su OneDrive (cosa che potete fare solo da PC Windows), cliccate su Sincronizzazione e backup e poi selezionate la voce Gestisci il backup. Ora scegliete se attivare o meno la sincronizzazione delle cartelle del PC Documenti, Immagini, Musica, Video e Desktop.

Come caricare file e cartelle su OneDrive

Se volete caricare un file o una cartella su OneDrive, ci sono due modi per farlo. Il primo è trascinando il contenuto direttamente nella cartella OneDrive, dopo averla aperta. 

Su PC Windows, potete anche, da Esplora file (tasti Windows + E), cliccare sul contenuto con il tasto destro del mouse e spostare il cursore del mouse, nel menu che si apre, sulla voce OneDrive. Ora cliccate su Sposta in OneDrive.

Come liberare spazio sul computer o scegliere di accedere ai file di OneDrive anche senza connessione Internet

Una funzione di OneDrive si chiama File su richiesta, in quanto consente di scegliere se avere i file di OneDrive sempre disponibili sul computer, anche senza connessione Internet, o solo quando si utilizzano, liberando spazio sul computer.

Cliccando sull'icona di OneDrive nella Barra delle applicazioni e poi su Apri cartella in basso a sinistra, si aprirà la cartella OneDrive e noterete che alcuni file e cartelle una nuvola, mentre altri hanno, almeno su PC Windows, una spunta verde (su Mac non ci sarà niente)

Quelle con la spunta verde sono disponibili sul PC, mentre quelle con la nuvola sono solo online e saranno accessibili in caso di connessione Internet.

Se ci cliccate sopra due volte verranno scaricati. 

Se volete scaricare tutti i file, andate nelle Impostazioni di OneDrive cliccando sull'icona a forma di nuvola nella Barra delle applicazioni (o nella finestra delle icone nascoste) e poi selezionate l'icona a forma di ingranaggio. Qui cliccate su Impostazioni e poi su Sincronizzazione e backup.

Cliccate in basso su Impostazioni avanzate e cliccate su Libera spazio su disco per eliminare tutti i documenti dal computer, lasciandoli solo su cloud o su Scarica tutti i file per averli a disposizione anche offline. 

Come condividere documenti su OneDrive

condividere file in onedrive su mac

Se volete condividere un file o una cartella, dalla finestra di Esplora file in OneDrive cliccate con il tasto destro del mouse su un file o una cartella. Spostate il mouse sull'icona OneDrive e appariranno una serie di opzioni tra cui scegliere.

Se cliccate su Condividi, si aprirà la finestra di condivisione.

Su Mac, troverete in fondo al menu le opzioni di OneDrive, di fianco all'icona dell'app.  

Potete scegliere gli utenti con cui condividere il contenuto o se copiare il collegamento. Se cliccate sull'icona a sinistra con tre puntini, potete condividere direttamente il link tramite altri servizi di terze parti.

Cliccando invece su Chiunque abbia il collegamento può modificare potete impostare le opzioni di condivisione. 

Tenete presente che quando un file o una cartella sono condivisi, vedrete nella finestra Esplora file di OneDrive un omino di fianco all'icona di stato (spunta verde o nuvola). Per interrompere una condivisione, cliccate sopra il documento con il tasto destro del mouse, selezionate Condividi e poi cliccate in basso a sinistra sull'icona collegamento.

Per interrompere la condivisione con alcune persone, cliccate su Persone e poi sulla X a fianco del nome.

Per disattivare completamente la condivisione, invece, cliccate a destra su Collegamenti e poi sull'icona a forma di cestino accanto all'URL del collegamento. Poi cliccate su Rimuovi. 

Come funziona il Vault personale

OneDrive include una sorta di cassaforte che offre un ulteriore livello di sicurezza: il Vault Personale. L'accesso a tutti i file memorizzati in questo spazio richiede l'autenticazione a due fattori, la stessa che dovreste attivare per proteggere l'account Microsoft. 

Per utilizzare appieno il Vault, è necessario un abbonamento a Microsoft 365 Personal o Family. Senza questo, è possibile memorizzare solo tre file.

Per configurare il Vault Personale, cliccate con il pulsante destro del mouse sull'icona della barra delle applicazioni di OneDrive e selezionate Visualizza online.

Effettuate l'accesso a OneDrive, quindi cliccate due volte sulla cartella Vault Personale in I miei file. Vi verrà chiesto di autenticare questo accesso tramite la chiave di sicurezza o l'app di autenticazione.

Ora spostate le tue cartelle e i file delicati nell'area sicura.

Adesso potete personalizzare le impostazioni del Vault Personale. Aprite le Impostazioni OneDrive, quindi cliccate su Account e cliccate sul menu a discesa Vault personale. Scegliete la durata durante la quale il caveau rimarrà aperto dopo averlo sbloccato e aver smesso di usarlo, tra 20 minuti, 1 ora, 2 ore o 4 ore.

Come usare OneDrive su telefono

onedrive su telefono

Interfaccia di OneDrive sul telefono. A sinistra su Android, a destra su iPhone

Una volta installato OneDrive sul vostro telefono, che sia Android o iPhone, ed effettuato l'accesso, le funzionalità sono grossomodo le stesse. 

Ci sono alcune sottili differenze nell'interfaccia. In Android, troverete l'icona per accedere al profilo e da lì alle impostazioni o allo spazio a disposizione, dall'icona in basso a destra, Me. Su iPhone, invece, troverete l'icona del vostro profilo in alto a sinistra (se non avete modificato le impostazioni predefinite, sarà indicata dalle vostre iniziali). 

Inoltre su Android in basso a destra troverete l'icona flottante della fotocamera, per digitalizzare documenti o scattare foto.

Su iPhone è invece al centro in basso. Inoltre su iPhone potete integrare OneDrive nell'app File in modo da gestire i documenti da un'unica app. Per farlo, aprite File, poi toccate Sfoglia in basso a destra e se non vedete il menu Posizioni toccate Sfoglia in alto a sinistra. 

Ora sotto Posizioni toccate OneDrive e concedete l'accesso al vostro account. Da qui potrete gestire file e documenti. 

Per il resto, le funzionalità sono le stesse. In basso troverete le icone Home, File, Condividi, Foto e (su Android) Me, mentre su iPhone ci sarà l'icona della fotocamera al centro.

Come caricare un documento

Per esplorare i contenuti del vostro OneDrive, cliccate su File. Cliccando sull'icona "+" in alto a destra potete caricare un file o una cartella, o anche digitalizzare un documento selezionando la voce dedicata.

In alternativa, potete scattare una foto toccando Scatta una foto, o creare un documento Word, Excel o PowerPoint aprendo gli strumenti dedicati.

Come digitalizzare un documento

Volendo potete scattare una foto anche toccando l'icona della fotocamera in basso a destra.

A questo punto fornite l'autorizzazione ad accedere alla fotocamera e scegliete se digitalizzare un documento, un biglietto da visita, una lavagna o scattare una foto. 

Come condividere un documento

Per condividere un documento o una cartella, toccate l'icona con tre puntini alla destra del nome e selezionate Condividi. Da qui potete scegliere se copiare il collegamento negli appunti o invitare persone. 

Per modificare le opzioni di condivisione, toccate la voce Modifica consentita, mentre per condividere il collegamento con un'altra app espandete la finestra di condivisione verso l'alto e toccate un'app, come Messaggi o WhatsApp, per selezionare i contatti e poi inviare il link di condivisione al documento o alla cartella. 

Se toccate in basso l'icona Condivisi vedrete i documenti condivisi.

Come attivare il backup su OneDrive

Se toccate la scheda Foto, vedrete foto e video sul telefono. Toccando in alto a destra la voce Attiva attiverete il backup automatico dei contenuti su OneDrive.

Su WhatsApp le breaking news tech!
Solo il meglio della tecnologia
Seguici