Come funziona la ricarica Be Charge: tariffe e procedura

Scopriamo insieme come fruire al meglio della ricarica Be Charge, quali spese comporta e come ottimizzare i tempi per completare la procedura
SmartWorld team
SmartWorld team
Come funziona la ricarica Be Charge: tariffe e procedura

Be Charge è una controllata di Plenitude, società del Gruppo Eni, specializzata nel settore della mobilità elettrica. Il suo focus principale è la diffusione e gestione delle infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici. Oggi Be Charge dispone di una vasta rete di colonnine di ricarica pubblica, una delle più estese in Italia e garantisce una copertura sul territorio nazionale.

Tutte le colonnine di ricarica di Be Charge forniscono energia certificata come proveniente da fonti rinnovabili, contribuendo così alla sostenibilità ambientale. Al momento, sono attivi 18.295 punti di ricarica sul territorio italiano, con altri 9.484 in fase di costruzione. Grazie agli accordi di interoperabilità, è possibile gestire tramite un'unica app anche i punti di ricarica delle aziende partner non solo in Italia, ma anche in Europa. L'integrazione di questi servizi consente agli utenti di usufruire di una soluzione unificata per la ricarica dei veicoli elettrici, evitando di utilizzare più piattaforme e account.

La rete di punti di ricarica di Be Charge

La rete di punti di ricarica di Be Charge comprende colonnine sia in corrente alternata, con tecnologia Quick (fino a 22 kW), sia in corrente continua, con tecnologie Fast (fino a 99 kW), Fast+ (fino a 149 kW) e Ultrafast (superiori a 150 kW). Per individuare la distribuzione della rete, è consigliabile utilizzare l'applicazione mobile disponibile per sistemi operativi iOS e Android. In alternativa è possibile consultare la mappa presente sul sito ufficiale dell'azienda.

Be Charge ha piani di espansione, con l'obiettivo di superare i 30.000 punti di ricarica entro il 2030. Attraverso un form sul sito ufficiale, centri commerciali, enti pubblici, aziende e condomini possono richiedere l'installazione di una colonnina di ricarica. Sebbene sia disponibile anche una tessera per l'accesso ai servizi di ricarica, l'applicazione Be Charge è il fulcro del sistema, consentendo la gestione completa delle operazioni di ricarica per i veicoli elettrici.

L'app è scaricabile gratuitamente su dispositivi iOS e Android.

Be Charge: come funziona la ricarica

Dopo aver scaricato e installato l'app Be Charge sul dispositivo mobile bisogna completare la registrazione inserendo i dati richiesti, specificando il metodo di pagamento preferito (carta di credito) e selezionando il profilo tariffario desiderato. Be Charge offre diverse opzioni tariffarie, tra cui il sistema Pay per Use con tariffe variabili in base alla colonnina utilizzata, abbonamenti e pacchetti prepagati.

L'applicazione è organizzata in quattro sezioni principali: Esplora, Attività, Profilo e Supporto. Nella sezione Esplora, è possibile visualizzare la mappa che mostra la posizione delle colonnine di ricarica disponibili, con filtri per una ricerca più mirata. Selezionando una colonnina, è possibile accedere ai dettagli, tra cui la posizione esatta, il tipo di colonnina, la potenza massima, il numero di prese e il prezzo per kWh. Le colonnine Be Charge sono identificate dalle icone con il logo di ENI e la scritta be, mentre le altre icone rappresentano i partner con cui Be Charge ha accordi di interoperabilità.

La sezione Attività consente di monitorare in tempo reale il progresso della ricarica, visualizzando informazioni come il grafico della potenza massima di ricarica e i kWh erogati.

Nella sezione Profilo, è possibile gestire i propri dati personali, specificare il modello del veicolo elettrico, selezionare la modalità di pagamento preferita e altro ancora.

Infine, la sezione Supporto fornisce accesso ai contatti utili, alle FAQ e ai tutorial per l'assistenza. Be Charge offre anche la possibilità di utilizzare una tessera RFID per l'accesso ai servizi di ricarica, la quale può essere richiesta direttamente dall'applicazione al costo di 10 euro, spese di spedizione incluse.

La procedura di ricarica è intuitiva: dopo aver selezionato una colonnina sulla mappa, si può avviare la ricarica direttamente dall'app. Durante la procedura è possibile monitorare l'avanzamento della ricarica e interromperla in qualsiasi momento. In caso di problemi, è disponibile un servizio di assistenza attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, raggiungibile sia dall'app che chiamando il numero dedicato.

Tariffe e procedura ricarica Be Charge

Dal primo novembre 2023, Be Charge ha aggiornato la sua offerta abbonamenti, eliminando quelli basati su un quantitativo fisso di kWh mensili e introducendo nuovi abbonamenti che offrono sconti sulla tariffa a consumo. Ecco i dettagli dei nuovi piani:

  • Be Start: al costo di 9,90 euro al mese, offre uno sconto del 20% sulla tariffa a consumo;
  • Be Medium: al costo di 13,90 euro al mese, offre uno sconto del 30% sulla tariffa a consumo;
  • Be Premium: al costo di 19,90 euro al mese, offre uno sconto del 40% sulla tariffa a consumo.

Questi sconti saranno applicati su tutte le ricariche a consumo effettuate alle colonnine di ricarica, sia di Be Charge sia degli altri operatori disponibili in Italia e nella Repubblica di San Marino, inclusi nell'app Be Charge. È importante notare che questi piani tariffari sono disponibili solo per chi ha selezionato l'Italia come Paese prevalente di ricarica nell'app.

Oltre agli abbonamenti, rimangono disponibili le tariffe a consumo tradizionali (Be Free) e i pacchetti prepagati, garantendo una vasta scelta per soddisfare le diverse esigenze degli utenti elettrici.

Le tariffe a consumo variano in base alla potenza della colonnina:

  • Quick fino a 22 kW: 0,65 euro per kWh;
  • Fast fino a 99 kW: 0,85 euro per kWh;
  • Fast+ fino a 149 kW: 0,90 euro per kWh;
  • Ultrafast a partire da 150 kW: 0,95 euro per kWh.

Be Charge offre anche pacchetti prepagati, che devono essere utilizzati entro sei mesi dall'acquisto:

  • Be Card 50: 53 euro di credito prepagato al prezzo di 50 euro;
  • Be Card 100: 110 euro di credito prepagato al prezzo di 100 euro;
  • Be Card 150: 170 euro di credito prepagato al prezzo di 150 euro.

Per garantire la disponibilità delle colonnine per tutti gli utenti, Be Charge ha introdotto penali per chi lascia il veicolo parcheggiato oltre 60 minuti dopo il termine della ricarica. Le penali variano a seconda della potenza della colonnina e del periodo di utilizzo.