Pixel tracking via email: come funziona e come impedirlo

Enrico Gargiulo

Avete presente le noiosissime mail che c’intasano la casella di posta? Oltre a impegnare qualche minuto delle nostre giornate per essere smaltite, hanno una fastidiosa funzione che potrebbe essere sconosciuta ai più: scoprire se e quando abbiamo aperto l’email e dov’eravamo quando l’abbiamo visualizzata. Questo grazie a software come MailChimp che creano sistemi di tracciamento invisibili all’occhio umano.

Spesso si nascondono in un unico pixel, opportunamente sistemato quasi sempre in un’immagine o in un link. All’apertura della mail, il codice contenuto in quel pixel rimanda indietro le informazioni descritte al server della compagnia. Ma come facciamo a impedire che questo accada? Ugly Email e PixelBlock sono due esempi di estensioni disponibili per Chrome e Firefox sviluppate con questo proposito e, a partire dal 2014, Google filtra tutte le immagini attraverso i propri server proxy, renendo inefficaci almeno parzialmente questi sistemi.

LEGGI ANCHE: Proton Calendar, il calendario attento alla privacy

Ma c’è anche una semplice operazione per bloccare i tracker: impedire il caricamento automatico delle immagini nella posta elettronica. È li che risiedono principalmente questi pixel “malevoli“, pertanto riuscirete ad eludere se non tutti i tracker, certamente una buona parte di essi. Ora vediamo come farlo sulle principali piattaforme web e mobile.

Disabilitare il caricamento automatico su Gmail:

  • Cliccare sull’icona a forma di ingranaggio per accedere alle impostazioni e proseguire in “Visualizza tutte le impostazioni“.
  • Nella scheda “Generali“, la prima, scendere fino a “Immagini“.
  • Fare clic su “Chiedi prima di visualizzare immagini esterne“. Saremo informati che questa opzione disattiva anche le email dinamiche.
  • Scendere a fondo pagina e cliccare su “Salva modifiche“.

Disabilitare il caricamento automatico su Microsoft Outlook (Office 365):

  • Cliccare “File” > “Opzioni“.
  • Nella finestra “Opzioni di Outlook“, cercare “Centro di Sicurezza“.
  • Entrare in “Impostazioni del Centro di Sicurezza“.
  • Spuntate il quadrato adiacente a “Non scaricare automaticamente immagini nei messaggi HTML standard o strumenti RSS” e “Non scaricare immagini in messaggi email HTML cifrati o firmati” (al primo potete aggiungere delle eccezioni tramite le possibilità indentate).

Disabilitare il caricamento automatico su Mail di Apple:

  • Cliccare “Mail” > “Preferenze“.
  • Poi sul tab “Vista“.
  • Togliere la spunta a “Carica contenuto remoto dei messaggi

Disabilitare il caricamento automatico di Gmail su Android:

  • Tappare le tre linee in alto a sinistra per aprire il menù contestuale.
  • Scendere in fondo fino a “Impostazioni“.
  • Selezionare l’email sulla quale volete apportare questa modifica.
  • Quasi a fondo pagina, toccate “Immagini“.
  • Poi: “Chiedi prima di visualizzare immagini esterne (disattiva anche le email dinamiche)“.

Disabilitare il caricamento automatico di Gmail su iOS:

  • Da “Impostazioni” selezionare “Mail
  • Cercare la sezione “Messaggi” e disabilitare “Caricamento remoto di immagini“.

In alternativa, potete avvalervi di client di posta elettronica alternativi come Thunderbird che blocca automaticamente il caricamento remoto, permettendovi di scegliere di scaricare contenuti selezionati manualmente o se provenienti da contatti sicuri da voi precedentemente indicati.

Via: TheVerge