Come rinfrescare la casa senza condizionatore

Come rinfrescare la casa senza condizionatore
SmartWorld team
SmartWorld team

Ma è davvero possibile rinfrescare la casa senza condizionatore? La risposta è affermativa. Per mantenere freschi gli interni è davvero indispensabile utilizzare l'aria condizionata? Non proprio. Quando fa caldo, tutte le soluzioni vanno bene per ritrovare un po' di freschezza. La tecnica più semplice è chiudere le persiane o le tende per tenere fuori il calore. Le stanze rimarranno buie nel bel mezzo della giornata per poter trascorrere in seguito una piacevole notte. Le finestre si aprono solo nelle ore buie, quando le temperature sono più sopportabili.

Come rinfrescare la casa quando fa caldo e senza condizionatore

Perché non investire in un ventilatore fissato al soffitto o posizionato su un mobile per muovere l'aria e godersi così una piacevole freschezza? Alcuni modelli hanno una modalità silenziosa che li rende particolarmente pratici, soprattutto di notte.

Un ventilatore da soffitto è facilmente programmabile. In estate, le sue lame dovrebbero ruotare in senso antiorario per spingere l'aria verso il basso. Aumentare quindi la velocità della ventola nelle giornate calde. Di giorno o di notte, quando l'umidità non è troppo presente, si accendono ventilatori a piedistallo o ventilatori a soffitto, si appendono asciugamani bagnati e si mettono nella stanza ciotole di acqua ghiacciata.

Oppure è possibile fare ricorso a un nebulizzatore per raffreddare. Un'altra alternativa è usare un atomizzatore e spruzzare dappertutto. Questo piccolo trucco aiuterà l'aria a raffreddarsi, in maniera graduale ma inesorabile.

Le pellicole per vetri offrono una serie di vantaggi, tra cui la riduzione delle bollette elettriche e la privacy senza bloccare la luce solare o le viste esterne. Possono ridurre le differenze di temperatura nella tua casa e fino al 98% del calore assorbito rispetto alle finestre non protette.

Buone abitudini per tenere la casa più fresca nelle ore più calde

In teoria le case sono ben isolate: in inverno, in una certa misura, il freddo non dovrebbe passare attraverso i muri e le finestre. Lo stesso vale per il calore. Durante il giorno, i gradi oppressivi vengono lasciati all'esterno chiudendo tutte le finestre. Questo intrappola l'aria fresca in casa e fa uscire l'aria calda. Ma spesso sono le piccole abitudini a fare la differenza.

Molti elettrodomestici sono le principali fonti di calore. È il caso, tra l'altro, delle lavatrici e asciugatrici, dei fornelli, della lavastoviglie, del televisore e delle lampadine. Nelle giornate calde cambiamo le nostre abitudini: stendiamo i nostri panni allo stendibiancheria o all'asciugatrice, evitiamo di usare i fornelli, laviamo i piatti a mano, lasciamo le luci spente per quanto possibile e abbandoniamo la tv in favore di un buon libro.

Ricordarsi quindi di scollegare i dispositivi elettronici che non servono e di limitare l'uso degli elettrodomestici. In questo modo si ridurrà significativamente il calore senza quasi che ce ne se renda conto.

Rimedi naturali per ridurre il caldo all’interno della casa

Vogliamo la casa fresca? Allora evitiamo che il sole e il calore entrino al suo interno. Si tratta della pietra angolare di una buona strategia anti-calore. Quindi, durante il giorno, chiudiamo le tende e le persiane. Durante l'ondata di caldo, meglio vivere - almeno nelle ore più calde - nella penombra. In parallelo, se teniamo le finestre aperte durante le ore notturne e chiuse durante quelle diurne, non facciamo entrare il caldo e sfruttiamo le correnti. Per migliorare il risultato potremmo aprire anche la porta di casa.

Da un rimedio naturale all'altro, ecco l'umidificazione delle estremità delle tende così come l'ombreggiatura di balconi e terrazzi, anche sfruttando piante sempreverdi per filtrare i raggi del sole. La ragione è semplice: l'ombra all'esterno impedisce che tutto il caldo entri all'interno.

C'è poi un'altra accortezza che viene spesso sottovalutata: il contenuto utilizzo di elettrodomestici e dispositivi elettronici. Il forno, soprattutto, ma anche l'asciugacapelli. Scaldano e contribuiscono a generare calore.

Senza alternative, come utilizzare al meglio il condizionatore

Se proprio non si può fare a meno del condizionatore, ricordarsi della pulizia dei filtri e del controllo del funzionamento prima di accenderli in maniera costante per tutta la stagione calda. In generale, accenderlo soltanto nelle ore più calde e non a temperature troppo basse. La modalità da preferire è quella da deumidificatore, ma non bisogna dimenticare, come abbiamo evidenziato in questo articolo, la presenza di alternative come i ventilatori.

Mostra i commenti